Il consiglio regionale condanna «violenza dei centri sociali», ma non chiede scioglimento di Forza Nuova

La maggioranza vota contro lo scioglimento di Forza Nuova e di tutti i movimenti politici di ispirazione neofascista, poi, insieme a M5S e a un consigliere della Lista Sansa, si impone per la condanna del cartello trovato nello sgomberato centro sociale Terra di Nessuno al Lagaccio dove le foto di esponenti del centrodestra venivano usate come bersaglio per le freccette

Con 8 voti a favore (minoranza) e 15 contrari è stato respinto l’ordine del giorno 447, presentato da Luca Garibaldi  (Pd-Articolo Uno) e sottoscritto dai colleghi del gruppo, da Gianni Pastorino (Linea Condivisa), Fabio Tosi (Mov5Stelle), Ferruccio Sansa, Selena Candia e Roberto Centi del gruppo Lista Ferruccio Sansa presidente,  con cui si impegna la giunta ad esprimere al Governo la richiesta di dare seguito al dettato costituzionale in materia di divieto di riorganizzazione del disciolto partito fascista e alla conseguente normativa vigente adottando i provvedimenti di sua competenza per procedere allo scioglimento di Forza Nuova e di tutti i movimenti politici di chiara ispirazione neofascista artefici di condotte punibili ai sensi delle leggi attuative della XII disposizione transitoria e finale della Costituzione della Repubblica Italiana. Nel documento si ricorda l’assalto alla sede romana della Camera del lavoro durante la manifestazione del 9 ottobre scorso contro l’obbligo del green pass.

Il presidente della giunta Giovanni Toti, dopo avere ribadito che il Consiglio è convintamente antifascista e liberale, ha chiesto al proponente di ritirare e riformulare il documento in quanto in questa versione costituisce un pericoloso precedente perché vuole imporre lo scioglimento di una formazione politica e, inoltre, si riferisce a fatti specifici che sono ancora sottoposti al giudizio dell’autorità giudiziaria. Stefano Mai (Lega Liguria Salvini) ha dichiarato che il documento si presta a strumentalizzazioni politiche e ha chiesto di ritirarlo. Claudio Muzio (FI) ha annunciato voto negativo e ha condiviso le perplessità espresse dal presidente Giovanni Toti. Veronica Russo (FdI) ha ribadito che la politica non può sostituirsi alla magistratura e ha invitato Garibaldi a ritirare il documento, per riformularlo in una versione condivisa. Garibaldi ha respinto le proposte di modifica. Angelo Vaccarezza (Cambiamo con Toti presidente) ha ribadito la richiesta di modificare il dispositivo nel punto in cui chiede lo scioglimento di una formazione politica. Sergio Rossetti (Pd-Articolo Uno) ha respinto l’accusa che il documento contenga strumentalizzazioni politiche e ha ribadito la necessità che il governo proceda per lo scioglimento della formazione politica. Fabio Tosi (Mov5Stelle) ha annunciato voto favorevole.

Sgombero del centro sociale “Terra di nessuno”, maggioranza, M5S e un consigliere della Lista Sansa condannano della violenza

Con 18 voti a favore (maggioranza, Movimento5Stelle e Roberto Centi della lista Ferruccio Sansa presidente) e 5 contrari (Pd e Ferruccio Sansa della lista Ferruccio sansa presidente) è stato approvato l’ordine del giorno 450, presentato da Stefano Mai (Lega Liguria-Salvini) e sottoscritto da tutto il gruppo, da Stefano Balleari (FdI), Claudio Muzio (FI) e Angelo Vaccarezza (Cambiamo con Toti presidente), che impegna la giunta a condannare fermamente le  prassi violente e antidemocratiche portate avanti nello sgomberato centro sociale Terra di nessuno (TDN) e a esprimere piena solidarietà agli esponenti politici utilizzati come bersaglio da colpire nell’infelice “passatempo” rinvenuto durante lo sgombero. Nel documento si ricorda che l’8 ottobre scorso, in seguito ad una sentenza del Tar e dopo 27 anni di occupazione abusiva, è stato sgomberato il centro sociale “Terra di nessuno” nel quartiere del Lagaccio a Genova e che nel centro sociale è stato trovato un cartellone con i volti di politici di centrodestra, utilizzato come bersaglio per il tiro delle freccette.

Sergio Rossetti (Pd-Articolo Uno) ha chiesto alcune modifiche sostanziali al testo, Ferruccio Sansa (Lista Ferruccio Sansa presidente) ha espresso parere negativo e ha invitato ad una maggiore tolleranza; Alessio Piana (Lega Liguria-Salvini) ha replicato ai consiglieri di minoranza e ha annunciato voto favorevole, Roberto Centi (lista Ferruccio Sansa) ha chiesto una piccola modifica al testo annunciando, se fosse stata accolta, voto favorevole,  Veronica Russo (FdI) ha annunciato foto favorevolee Mabel Riolfo (Lega Liguria Salvini) ha accolto la modifica proposta da Centi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: