Toti: “No al governo giallorosso, si al governo di unità nazionale”

Il presidente della Regione Liguria, leader di “Cambiamo!”, in un’intervista al Corriere della Sera: <Non è il momento dei responsabili ma della responsabilità. E nessuno, nemmeno il centrodestra, può chiamarsi fuori>. Da cosa? Da un governo di unità nazionale, <un gabinetto di guerra, come tante volte è stato nella storia>

Escluso l’ingresso o l’appoggio esterno al governo Pd-M5s: <Diciamo no a un governo Conte con questa geometria di forze ma anche a un eventuale terzo governo con questo premier, che passerebbe da una maggioranza gialloverde a una giallorossa a una arcobaleno: detto anche con simpatia umana verso la persona, con la quale ho lavorato e verso la quale non nutro risentimenti, ma non esistono uomini per tutte le stagioni> dice il presidente della Liguria al Corriere. Rispondendo a una domanda spiega che non ritiene possibile un governo guidato da un altro esponente dell’attuale maggioranza. <Mi pare che Forza Italia sia su posizioni diverse, quindi a oggi non lo vedo. Diversa sarebbe l’ipotesi di un nuovo governo anche senza il centrodestra che collabori con le forze responsabili dell’opposizione per riforme che servono al Paese. Anche la legge elettorale direi, visto che siamo l’unico Paese al mondo che non riesce ad avere maggioranze nemmeno con un sistema maggioritario>.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: