Dalla guida di Genova dell’assessorato al Turismo “sparisce” il Ducale

Oltre agli errori già segnalati (dalle foto sgranate e di bassa qualità a quella di Galleria Mazzini con la spazzatura fino alle foto invertite tra Acquasanta e Monte Pennello) la guida online su VisitGenoa commette l’incomprensibile e imperdonabile errore di “cancellare” il palazzo della Fondazione, uno dei punti di attrazione maggiori in città insieme all’Acquario, mostra Porta Siberia ancora col Museo Luzzati chiuso orami da 2 anni e manda a camminare i turisti dove per accedere ci vuole una chiave: il ponte Sifone

Palazzo Ducale viene citato tre volte nella brocure, ma incidentalmente. La prima quando si parla di piazza De Ferrari (viene citata <l’entrata secondaria>), la secondasi parla del Cortile maggiore come sede di eventi estivi, la terza vede il Ducale come tappa tra le tante di un itinerario da de Ferrari al Carmine. Ma del palazzo in se stesso, delle sue iniziative, delle sue mostre, non si fa parola.

Peggio: che si tratti di intenzionalità o semplice noncuranza, viene letteralmente cancellato dalla mappa dove non si trova il nome e lo spazio del palazzo pare “sbianchettato”. Perché non viene citato il contenitore della cultura che fa migliaia di visitatori l’anno? C’è stata intenzionalità? Non si toglie, così, uno dei più forti elementi di appeal della città? Ricordiamo che, invece, è stato dato ampio spazio al Mog (un intera pagina), azienda privata di somministrazione all’interno del Mercato Orientale (che ha un’altra pagina intera all’interno della guida). Un’azienda privata di ristorazione sì e Palazzo Ducale no? Chi ha fatto la scelta? Secondo voi, è nell’interesse dell’incoming turistico, cioè conquista nuovi visitatori? Siete mai partiti per andare a mangiare in una città se non in posto tradizionale, stellato o arcinoto? Ma certamente siete partiti per andare a vedere una mostra.

La cartina col “buco” al posto del Ducale

Un lettore ci suggerisce un’altra “gaffe”. Quella relativa al percorso tra la Basilica di San Siro e San Siro di Struppa. Dice il nostro lettore: <Difficoltà facile. Consigliate scarpe da trekking. E magari anche qualcuno che ha le chiavi del ponte sifone, aggiungerei io – ironizza -. Se non hai una guida ti devono venire a prendere con l’elicottero>

Poi, per la serie “foto recenti”, ciliegina sulla torta, nella brocure c’è la foto a tutta pagina del museo Luzzati a Porta Siberia, chiuso da almeno un paio d’anni. Un museo chiuso sì, il Ducale no. Fate voi…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: