Annunci
Ultime notizie di cronaca

Nodo ferroviario, Maestripieri (Cisl Liguria): “Fermo da 2 mesi perché il ministro Toninelli non decide”

<A vent’anni dalla firma del protocollo d’intesa, sono passati oltre due mesi da quando è scattato l’allarme sul nodo ferroviario di Genova con il passo indietro di Astaldi e i lavori nuovamente bloccati. Nonostante questo, il ministro dei trasporti Toninelli non ha ancora indicato e ufficializzato una strada precisa per evitare un nuovo bando di gara che provocherebbe altri due anni di ritardo>. Lo dice Luca Maestripieri, segretario generale Cisl Liguria.

<Stiamo parlando di un’opera il cui protocollo d’intesa è stato firmato nel 1999: credo che basti questo per capire che non si può più perdere nemmeno un giorno – aggiunge Mestripieri -. In ballo c’è il futuro di 450 lavoratori, tra diretti e dell’indotto, oltre allo stesso destino della Liguria. Senza quest’opera, il Terzo Valico resterebbe soltanto un progetto sulla carta. Il ministero delle Infrastrutture raduni intorno ad un tavolo i soggetti interessati, e si trovi una soluzione. Subito. Non si possono dimenticare i benefici che porterà il Nodo all’Italia e alla Liguria>.
Secondo una stima di Uniontrasporti, infatti, le ricadute sull’economia grazie alla realizzazione dell’opera sarebbero enormi: 2.250 milioni di euro a livello nazionale di cui circa 1.350 sul territorio ligure.
<Sosteniamo la linea del vice ministro Edoardo Rixi che ha parlato di una modifica progettuale da portare al Cipe e che consentirà di unificare la realizzazione del nodo ferroviario di Genova con quella del Terzo Valico in modo da procedere per via straordinaria e recuperare il tempo perso – conclude Maestripieri -. Bisogna farlo e farlo subito>.

Annunci

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: