Annunci
Ultime notizie di cronaca

Turismo, -30% a Natale. E l’ex assessore Serafini si toglie i sassolini dalle scarpe

L’ex assessore a Marketing e Cultura rileva i numeri del disastro spiega perché l’approccio di Genova è sbagliato
Noi rileviamo che non è stato organizzato alcun evento di rilievo a Capodanno (l’appuntamento di punta è firmato non dal Comune, ma da un Civ e meno male che c’è) e che c’è un “cultural manager” privo dei titoli che sarebbero presenti secondo la determina dirigenziale e che nel curriculum (faticosamente ottenuto da Cristina Lodi del Pd che si è dovuta rivolgere alla Prefettura), invece, non si leggono affatto: non è laureato ed è diplomato al Classico – titolo non sufficiente – e, peraltro, non si sa né dove né con quale votazione

Crollo del turismo nelle feste di Natale, alberghi meno pieni del solito, pochi eventi (l’evento di punta per Capodanno è il concerto della popolare cover band dei Queen, i Radio Gaga, organizzato dal Civ Genovino). Il risultato, secondo l’ex assessore al Marketing Elisa Serafini è un -30% di turisti. L’ex assessore critica l’approccio “lacrimoso” ai problemi di Genova a causa del crollo del Ponte Morandi e <l’accontentare ogni campana e ogni capriccio, pagherà politicamente sul breve termine, ma dubito che possa portare, nel lungo periodo, ai risultati che questa città avrebbe potuto raggiungere>. Spiega che l’avevano criticata per gli eventi che aveva organizzato: <“lo scivolo d’acqua in Via XX Settembre distrarrà dai saldi”, “Il capodanno con gli Ex Otago e l’Hip Hop Festival sono cose da comunisti”> ricorda che dicevano i suoi detrattori. In effetti, l’alternativa proposta dall’assessore che le è succeduta, Barbara Grosso, è il nulla. E nemmeno il “cultural manager” Maurizio Gregorini, quello pagato 37 mila euro con soldi pubblici, che secondo il contratto firmato col Comune <risulta qualificato ed idoneo per la realizzazione concreta del suddetto progetto come evidenziato da curriculum agli atti> (curriculum ottenuto dalla capogruppo del Pd Cristina Lodi solo che, dopo molte insistenze vane, si è rivolta alla Prefettura per pretendere il rispetto delle leggi), curriculum che, al contrario di quanto recita la determina dirigenziale, mette in evidenza che Gregorini non ha né la preparazione universitaria specifica del manager culturale (non è laureato), né esperienze lavorative specifiche di rilievo (Ecco il Curriculum di Maurizio Gregorini ).
Il risultato? Il disastro in cifre di cui parla Elisa Serafini. Ecco il suo post su Facebook.

Vedere i dati del turismo a Genova nel periodo di Natale-Capodanno (-30%), mi sconforta e mi preoccupa molto. Da ex assessore al Marketing Territoriale, e da professionista del marketing, mi permetto di fare una riflessione, che forse farà arrabbiare qualcuno, ma che scrivo con un intento costruttivo, per provare a mettere in discussione il paradigma su cui si è realizzata la narrazione “post-ponte”.
È evidente che questa retorica compassionevole, non sta servendo a nulla. La scelta è stata quella di trasformare Genova e la Liguria nella nuova Amatrice. Comprate il pesto, piangete i morti, a tempo indeterminato. Questo approccio, però, uccide la percezione di una città. Oggi Genova è percepita come una città inefficiente e depressa, dove non succede nulla, si piange, e per “aiutarla” si può solo comprare il pesto. Si è scelto di ridurre gli eventi a piccole iniziative silenziose, per non “offendere le vittime”. Ma cosa si intende con “non offendere le vittime”? Far perdere introiti ad albergatori e commercianti vuol dire non offendere le vittime? Far rischiare il posto di lavoro a imprenditori e dipendenti, vuol dire non offendere le vittime? Un po’ di mesi fa, qualcuno ha scelto di “ammazzare” il Monster Festival, il festival di Halloween dedicato ai bambini, pensato, insieme agli albergatori, per aumentare i flussi alberghieri nei momenti di bassa stagione. Sui giornali si leggeva: “C’è stata una tragedia e parlare di mostri non va bene. Poi la Curia non è d’accordo”. Così abbiamo appreso che nel 2018 non solo non si può parlare di mostri e animali di fantasia, ma che le strategie di promozione della città le decide la Curia. Per Capodanno, avrebbero potuto esserci due strade: proseguire con la programmazione già avviata (che non era questa), oppure associare un evento al tema del sostegno alle vittime, invitando dei veri BIG della musica internazionale, che potessero attrarre decine di migliaia di visitatori. Invece si è scelto di realizzare eventi sottotono, nulla che abbia funzionato, purtroppo, dati alla mano. E dispiace, perché credo che con un po’ più di coraggio e un approccio un po’ meno “politically correct” e orientato al compromesso, questa città avrebbe potuto registrare valori diversi, valori che impattano sulle attività economiche, sulla vita delle persone. Chiudo con qualche aneddoto. Ogni evento che ho proposto e sostenuto, nel mio anno di lavoro, è stato criticato da qualcuno: “lo scivolo d’acqua in Via XX Settembre distrarrà dai saldi”, “Il capodanno con gli Ex Otago e l’Hip Hop Festival sono cose da comunisti”, ma, io, forse sbagliando, cercavo di non considerare troppo queste critiche, aspettando i risultati, il più delle volte positivi. Ho sempre pensato che non si potessero proporre politiche pubbliche senza “scontentare” qualcuno. La strada del compromesso, dell’accontentare ogni campana e ogni capriccio, pagherà politicamente sul breve termine, ma dubito che possa portare, nel lungo periodo, ai risultati che questa città avrebbe potuto raggiungere. Il mio invito, che scrivo con la speranza che Genova possa tornare a crescere, è quello di avere più coraggio. Si apra un nuovo capitolo, di azioni e scelte coraggiose, anche sfrontate, se necessario, che facciano magari arrabbiare o discutere, ma che funzionino. Portare turismo e investimenti a Genova è la miglior risposta che la città può dare a questa tragedia.

Annunci

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: