Annunci
Ultime notizie di cronaca

Rinnovata la tassa di soggiorno: fondi per promozione e interventi

Anche per i prossimi 4 anni la tassa di soggiorno finanzierà la promozione della “destinazione Genova” e, come già è accaduto in passato, alcuni interventi sul tessuto urbano che migliorino la capacità di accoglienza.  Il Comune di Genova e la Camera di Commercio hanno approvato nella scorsa settimana, ciascuno con una propria delibera, il rinnovo della Convenzione dell’Imposta di Soggiorno.  La nuova convenzione – che entrerà in vigore il 1° dicembre e avrà una durata di quattro anni – si occupa di definire un utilizzo concertato delle risorse che derivano dall’Imposta nel territorio del Comune di Genova, riprendendo e confermando buona parte del testo della precedente, in vigore dal 2012.

Ci sono però alcune novità che fanno compiere un ulteriore passo in avanti ad un’esperienza che è spesso citata a livello nazionale come buona pratica di collaborazione tra l’ente pubblico e le categorie interessate, in particolare quella degli albergatori. L’introduzione dell’imposta ha infatti spesso generato – in altri territori – conflittualità soprattutto con gli albergatori incaricati della riscossione. Comune di Genova e Camera di Commercio, ritenuto strategico il lavoro congiunto svolto negli ultimi anni con le Associazioni di categoria e i principali stakeholder cittadini, hanno rinnovato la convenzione per consolidare e migliorare i risultati raggiunti, rendendo più incisiva l’azione comune grazie ad una migliore programmazione ed individuazione delle priorità d’intervento.

<Vorrei sottolineare – ha detto l’assessore alla cultura e al turismo del Comune di Genova, Carla Sibilla – il ruolo importante giocato dall’Amministrazione nel promuovere il coinvolgimento di tutti i soggetti, pubblici e privati, che si occupano di turismo. Il trend di crescita di presenze di visitatori nella nostra città va alimentato anche grazie ad un utilizzo concertato dei proventi che ne derivano. Il nostro intendimento è, con le risorse dell’imposta di soggiorno, dare continuità a questa tendenza di crescita e creare un ulteriore effetto moltiplicatore da cui tutti, istituzioni e operatori economici, possano trarre profitto>.

<Il modello Genova per l’imposta di soggiorno – ha spiegato il presidente della Camera di Commercio Paolo Odone – è stato per anni un modello nazionale proprio grazie alla concertazione fra il Comune e, tramite la Camera di Commercio, le associazioni di categoria del turismo che è stata resa possibile da questa convenzione. Con questo modello non soltanto abbiamo evitato i conflitti con le categorie che ci sono stati in altre città, ma abbiamo ottenuto un buon andamento del gettito della tassa e ottimi risultati sul campo: per fare un esempio concreto, quattro anni fa i Rolli Days e le botteghe storiche non erano ancora un prodotto turistico vendibile, ora lo sono diventati. E con il rinnovo della convenzione per altri quattro anni mettiamo in sicurezza i risultati ottenuti e puntiamo a migliorare ancora>.

La nuova convenzione definisce in maniera precisa come dovranno essere destinate le risorse derivanti da imposta di soggiorno:

a) il 60% delle previsioni di introito sarà destinato a promozione e comunicazione, promo-commercializzazione, marketing turistico della città, inclusa la valorizzazione delle Botteghe Storiche e Patrimonio UNESCO e la realizzazione di eventi, con particolare riferimento a “Rolli days” e grandi mostre;

b) il 40% delle previsioni di introito sarà destinato al miglioramento del decoro e la capacità di accoglienza del tessuto urbano.

L’imposta di soggiorno rappresenta un importante gettito per le casse comunali: nel 2012 (l’importo è mancante del 1° trimestre perché l’imposta è entrata in vigore il 2 aprile di quell’anno) la somma introitata è stata di € 1.363.484,79, nel 2013 di € 1.776.156, nel 2014 di € 1.850.724 e nel 2015 di € 2.012.638,40. A tutti questi importi vanno aggiunti i mancati riversamenti dichiarati e non riscossi (rispettivamente: € 19.464 per l’anno 2012, € 152.389 per l’anno 2013, € 102.369 per l’anno 2014 e € 41.618 per l’anno 2015).

Ogni anno, un Tavolo di lavoro sulla promozione della città, che vedrà tra i suoi partecipanti i rappresentanti dell’Assessorato Cultura e Turismo, della Camera di Commercio e delle principali associazioni di categoria, ottimizzeranno i programmi finalizzati alla realizzazione di azioni di prodotto, comunicazione, pubblicità e promo-commercializzazione da mettere in atto, definendo con precisione gli obiettivi e monitorando una puntuale realizzazione degli interventi: ogni anno, entro il mese di novembre, verranno concordate le priorità per l’anno successivo ed entro il mese di dicembre definite le linee di azione propedeutiche al piano di comunicazione e marketing che sarà approvato con deliberazione di Giunta Comunale entro il marzo dell’anno successivo.

Verrà inoltre istituito un ulteriore “Tavolo di concertazione” in materia di accoglienza, decoro urbano e manutenzioni cittadine che ogni anno, entro il mese di dicembre, individuerà e concorderà con gli assessorati competenti in materia di decoro urbano, manutenzioni, lavori pubblici e ambiente, le linee di priorità per l’anno successivo.

Annunci

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: