Facce de Zena 

A Voltri un piazzale intitolato a Giuseppe Dagnino, partigiano e uomo di cultura

Il piazzale compreso tra i giardini Caduti Partigiani Voltresi e passeggiata Roberto Bruzzone è stato intitolato al partigiano e uomo di cultura. Nel 1950 fondò una cooperativa che tramite l’azionariato popolare produsse un film dedicato alla resistenza: “”Achtung! Banditi!”

Giuseppe (Giò) Dagnino fu combattente per la libertà con il nome di battaglia Leo, comandante della Brigata Sap “Luigi Piva”, iscritto al Partito Comunista Italiano dal 1943, fu quadro dell’organizzazione clandestina. L’esperiemza politica fu sempre intrecciata a molteplici interessi culturali (soprattutto letterari e cinematografici) che coltivò da autodidatta; alla fine della guerra lasciò la fabbrica, dove lavorava come operaio specializzato, per il cinema. Nel 1950 fondò la Cooperativa Spettatori Produttori Cinematografici, esperienza unica in Italia, una cooperativa che con l’azionariato popolare potesse produrre un film dedicato alla Resistenza. Venne girato “Achtung! Banditi!”.

Nella foto, il set di “Achtung! Banditi!”

Poi, nel 1954, fu la volta di “Cronache di poveri amanti”. Dagnino è stato aiuto regista di Carlo Lizzani e sceneggiatore. Fu successivamente funzionario di partito, amministratore, organizzatore culturale, cultore di microstoria.

All’affollata cerimonia di oggi sono intervenuti il consigliere comunale Simone D’Angelo, il presidente del Municipio VII Ponente Guido Barbazza, il presidente del Comitato Provinciale ANPI Genova e membro della Segreteria nazionale Massimo Bisca, il presidente della Sezione ANPI Genova Voltri Maurizio Mantero e Anna Maria Dagnino figlia di Giuseppe Dagnino.

Related posts

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: