camera di commercio Economia turismo 

Arrivati sotto la Lanterna anche i buyer esteri e i seller di food dei territori di Mirabilia. Domani si apre la 6ª edizione della Borsa Food & Drink

Iniziato con una visita al porto commerciale visto dal mare, il secondo giorno della 10ª edizione della Borsa Internazionale del Turismo Culturale per i presidenti delle 19 Camere di Commercio del Network Mirabilia. I buyer hanno invece visitato l’Acquario. Entrambi i gruppi proseguiranno nel primo pomeriggio con la visita del Tigullio

Nel frattempo, sono arrivati a Genova anche i 46 “Buyer” di food provenienti da Canada (6), Finlandia (1), Francia (6), Germania (8), Giappone (2), Olanda (3), Norvegia (1), Spagna (1), Stati Uniti (8), Svezia (5), Svizzera (1), e dall’Italia (105), che daranno il via, assieme ai 108 seller alla Borsa Food & Drink, incontri specializzati fra imprese agroalimentari dei territori rappresentati e “buyers food & beverage” presso il Palazzo della Borsa Valori. Le aziende di food si uniscono, quindi, ai 45 buyer turistici provenienti da tutto il mondo e ai 90 seller italiani provenienti dai territori del network Mirabilia, giunti ieri sotto la Lanterna per partecipare alla 10ª Borsa Internazionale del Turismo Culturale che aprirà ufficialmente domani, lunedì 17 ottobre.


«Le Borse, negli anni, hanno visto migliaia di operatori – commenta Angelo Tortorelli presidente dell’Associazione Mirabilia Network – e centinaia di buyer internazionali sviluppare business e relazioni, portando valore aggiunto reale ai territori del network, proprio come sta per accadere a Genova in questi giorni. In questo cammino non siamo stati soli: abbiamo avuto al nostro fianco grandi partner istituzionali come ICE, Agenzia per la promozione all’estero, o Assocamerestero (la rete delle Camere di commercio italiane all’estero), e anche organizzazioni leader di settore come IEG (che organizza la Fiera di Rimini), per assicurare standard elevati sia sul versante del turismo culturale sia del food & drink. Sono certo – conclude – che l’appuntamento di Genova manterrà le attese e produrrà risultati concreti».

[Continua sotto]

In programma domani, lunedì 17 ottobre, la prima giornata di lavori, che si svolgerà a Palazzo Ducale e si aprirà con un convegno dal titolo “Mirabilia: Ripensare ai turismi nell’era delle crisi”, dedicata a turismo e cultura, con un confronto con personalità ed esperti nazionali su come le tante crisi che stiamo vivendo – pandemia, guerra, energia – stiano rivoluzionando il concetto stesso di turismo e sulle nuove prospettive che si aprono per i territori Mirabilia. L’apertura è affidata a Luigi Attanasio, presidente Camera di Commercio di Genova; seguirà Angelo Tortorelli, presidente Associazione MIRABILIA Network; e ad Enrico Lupi, presidente Camera di Commercio Riviere di Liguria.

L’incontro proseguirà con un panel dedicato a “Un nuovo Grand Tour Unesco dall’Italia all’Europa: le nuove frontiere del turismo e dello smart working”. Modera i lavori, Andrea Granelli, fondatore e Presidente di KANSO, esperto innovazione e digitalizzazione. Interverranno: Rappresentanza Permanente dell’Italia presso UNESCO; Rappresentante FAO/OMS o SINU il binomio turismo/eccellenze agroalimentari; Agostino Agostinelli, vicepresidente di FederParchi; Alfonso Femia, architetto e organizzatore della Biennale dello Stretto; Carlo Ferro, presidente ICE; Sandra Gizdulich, Agenzia per la Coesione Territoriale, coordinatore della partnership “Cultura e Patrimonio Culturale”, Agenda Urbana Europea; Lorenzo Mottura, EVP Strategy, Corporate Development & Innovation di Edison; Roberta Garibaldi, amministratore delegato Enit (in collegamento da Parigi); Andrea Prete, presidente Unioncamere.

Nel pomeriggio i lavori proseguiranno a Palazzo Tobia Pallavicino, sede della Camera di Commercio, con incontri dedicati delle Camere di Commercio e della Rete EEN.
In chiusura, gli ospiti parteciperanno alla prova generale dello spettacolo “Maria Stuarda”, con la regia di David Livermore, la cui prima nazionale è in cartellone al Teatro Nazionale di Genova il giorno successivo.
A seguire, la tradizionale cena di gala, con tutti i partecipanti italiani e stranieri, ai Magazzini del Cotone del Porto Antico, opera dell’architetto Renzo Piano.

Related posts

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: