Nel giorno della festa della mamma, i CC di Maddalena “adottano” una nonnina

Ha chiesto aiuto a una pattuglia fermata per strada in centro storico, dicendo di non sentirsi sicura a tornare a casa. Ai militari dell’Arma ha raccontato che le figlie non vanno a trovarla quanto lei vorrebbe e che da giorni non mangiava un pasto caldo. I carabinieri hanno cucinato per lei in caserma racapitandole una pastasciutta

Una signora di un’ottantina d’anni che abita da sola in una strada nei pressi di via San Lorenzo, era scesa, ieri, a fare due passi in strada, fino alla via al Ponte Reale. Ha visto una pattuglia dei Carabinieri della stazione Maddalena e ha detto di non sentirsi tanto sicura a rientrare a casa da sola. Così si è fatta accompagnare, forse più per avere compagnia che per effettive preoccupazioni. La signora ha due figlie che, però, ha detto la nonnina, hanno la loro vita e non vanno a trovarla quanto lei vorrebbe. Una delle due abita addirittura in un’altra provincia ligure.

La signora ha la cucina guasta da giorni e quindi da tempo non si prepara un piatto di pasta. I carabinieri sono rientrati in Caserma e le hanno preparato un piatto di pasta che le hanno consegnato caldo a domicilio. Anche questa è la presenza dei Carabinieri in centro storico.

La storia, in realtà, è un po’ diversa rispetto a quella raccontata. L’anziana ha problemi di alcolismo ed è seguita da Sant’Egidio. È stata lei a rinunciare alla cucina perché i pasti glieli portano Sant’Egidio e una figlia, quella che abita a Genova e che ieri sera è andata a casa sua per farla mangiare. Risulta regolarmente seguita dalle figlie. Certo è che la nonnina ha comunque bisogno di aiuto.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: