diritti e sociale 

#Coopforucraina: 500 mila euro di aiuti, raccolta fondi tra soci e clienti

Anche i dipendenti Coop posso contribuire, donando ore del proprio lavoro e le cooperative si sono impegnate a raddoppiarne i corrispettivi

Il mondo Coop in campo per il popolo ucraino. Le cooperative di consumatori stanziano aiuti per 500.000 euro e attivano una raccolta fondi a favore di UNHCR, Comunità di Sant’Egidio e Medici senza Frontiere, impegnati nel soccorso alla popolazione. In tutti i punti vendita di Coop Liguria, esposte le bandiere della pace e dell’Ucraina.

Il mondo Coop si mobilita unito per il soccorso alla popolazione ucraina, condannando senza appello l’aggressione ingiustificabile voluta da Putin.

Raccolta fondi nazionale e 500.000 euro di aiuti

Con #Coopforucraina, il mondo Coop ha stanziato 500.000 euro di aiuti per tre importanti organizzazioni umanitarie – UNHCR, Comunità di Sant’Egidio e Medici senza Frontiere – presenti sul territorio ucraino per soccorrere la popolazione civile.

Le cooperative hanno attivato anche una raccolta fondi a cui possono aderire Soci e clienti in tre modi:

  • tramite coupon da 1, 5, 10, 20 o 50 euro, disponibili alle casse di tutti i punti vendita;
  • attraverso un conto corrente bancario dedicato (IBAN: IT 36 H 02008 05364 000106357816);
  • sulla piattaforma online Eppela, dove è possibile donare con carta di credito.

Solo per i Soci esiste una quarta modalità di donazione, attraverso i punti accumulati sulla carta Sociocoop: 100 punti per donare 1 euro; 500 punti per 5 euro; 1.000 punti per 10 euro; 2.000 punti per 20 euro; 5.000 punti per 50 euro.

Tutte le modalità di donazione sono attive da oggi, venerdì 4 marzo.

L’obiettivo è fornire assistenza sanitaria, kit di primo soccorso, cibo, vestiti, accoglienza ai profughi al confine e tutto quanto necessario in uno scenario in continua evoluzione, difficile da prevedere per le stesse associazioni che pure conoscono bene quel territorio.

L’operatore di telefonia mobile Coop Voce ha invece attivato la promozione “No frontiere”, mettendo a disposizione 1.000 minuti gratuiti di conversazione a chiunque debba chiamare l’Ucraina, oltre ad attivare, per i propri utenti, il numero 45525 che sostiene la raccolta fondi promossa fino al 6 marzo da Croce Rossa Italiana, UNHCR e UNICEF.

Bandiere in tutti i punti vendita di Coop Liguria

Oltre a partecipare all’iniziativa nazionale, Coop Liguria ha esposto in tutta la propria rete di vendita la bandiera della pace e quella dell’Ucraina. La Cooperativa ha già risposto positivamente a una prima richiesta di contributo arrivata dalla Protezione Civile, a cui ha donato materiali da imballaggio per far partire i primi aiuti, e sta vagliando le ulteriori richieste di supporto che stanno arrivando dai territori. 

Fedeli alla nostra missione di cooperatori  – afferma il Presidente di Coop Liguria, Roberto Pittalisnon possiamo restare a guardare di fronte alla sofferenza di così tante persone. I nostri Soci sono stati i primi a chiederci di intervenire e sono pronti a supportare in prima persona le azioni solidali, non solo attraverso le donazioni, ma anche con il volontariato. Quella perpetrata da Putin è un’aggressione inaccettabile ai valori di libertà e democrazia in cui si riconosce da sempre il movimento cooperativo ed è importante che tutti, ovunque e per quanto possono, diano un segnale tangibile di solidarietà a chi è stato costretto a fuggire dal proprio Paese”.

Da Legacoop Liguria, medicine, cibo e supporto all’accoglienza 

Anche Legacoop Liguria si è attivata, incontrando il cappellano della comunità ucraina ligure, padre Vitalji Tarasenko, per definire con lui le priorità e far partire i primi acquisti di cibo e medicinali. Le cooperative sociali e turistiche si sono messe a disposizione per fornire professionalità e strutture da utilizzare per organizzare l’accoglienza ai profughi che arriveranno nella nostra regione.

Prorogata fino a Pasqua l’iniziativa “Difendiamo la tua spesa”

In considerazione dell’emergenza e delle ripercussioni sul costo dell’energia che stanno mettendo in difficoltà molte famiglie, Coop ha deciso di prorogare fino a Pasqua l’offerta di 200 prodotti Coop di uso quotidiano a prezzi protetti, volta a tutelare il potere d’acquisto di Soci e clienti.

Related posts

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: