Subito.it: genovesi tirapacchi. Bucci: «Ritiri subito lo spot pubblicitario»

Pubblicità sui media: il venditore di una bici dalle ruote quadrate viene indicato come nostro concittadino. Il Sindaco: «La ritengo una mancanza di rispetto nei confronti dei genovesi che, peraltro, storicamente sono conosciuti semmai come parsimoniosi e non come dei “tira pacchi”». Come dire? “Scozzesi” sì, truffatori no

«Sono pronto a scrivere ai vertici dell’azienda titolare di Subito.it perché ritirino lo spot pubblicitario che sta andando in onda sui principali network televisivi nazionali. L’immagine dei genovesi, attraverso il pensiero di uno dei protagonisti dello spot, è stereotipata in quella di chi cerca di arrembare una fregatura al cliente del portale web che si salva grazie al rigido protocollo in atto da parte dell’azienda mediatrice di vendite» ha scritto Marco Bucci sulla sua pagina Facebook

«La ritengo una mancanza di rispetto nei confronti dei genovesi che, peraltro, storicamente sono conosciuti semmai come parsimoniosi e non come dei “tira pacchi” – prosegue Bucci -. Comprendo e condivido, dunque, le tante lamentele che si stanno scatenando sui social e quelle che sono arrivate attraverso mail e messaggi al sottoscritto. Confido che il team di Subito.it provveda a ricompensare Genova e i genovesi con la scena e lo spazio che meritano e non dipingendoli come venditori di biciclette dalle ruote quadrate».

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: