Il Gruppo Giovani di Confcommercio lancia “Punto Impresa Futura”

Un punto d’ascolto, d’informazione e orientamento oltre che di scambio, valorizzazione di idee e trasformazione delle stesse in progetti concreti


È, in estrema sintesi, quanto è racchiuso nel progetto “Punto Impresa Futura”, lanciato ieri dal Gruppo Giovani Confcommercio Genova. La sfida è articolata e avvincente e punta al coinvolgimento di giovani futuri imprenditori o neo imprenditori under 42, attraverso l’attivazione di un vero e proprio Sportello dell’imprenditoria giovanile. Un presidio e strumento fisso, aperto a partire da martedì 14 dicembre 2021 all’interno della sede di Confcommercio Genova (via Cesarea 8) e presidiato dai componenti del Gruppo Giovani, che andrà ad affiancare giovani futuri imprenditori nella valutazione delle loro “idee imprenditoriali” di base e a orientarli nei complessi step legati alla successiva creazione dell’impresa.


«Il sostegno a nuove forme d’imprenditoria, la promozione della cultura d’impresa e la valorizzazione della nostra associazione di categoria come punto di riferimento per orientare l’imprenditoria giovanile e innovativa sono al centro dell’operazione voluta dal nostro Gruppo Giovani e da noi sostenuta con forza. – ha commentato Paolo Odone, presidente Confcommercio Genova – Lo Sportello ‘Punto Impresa Futura’ ha poi anche un importan- te valore simbolico, perché contribuirà a stimolare nuovamente il confronto e lo scambio di idee in presenza tra giovani generazioni, troppo spesso venuto meno dall’arrivo della pandemia».


L’attività dello Sportello, legata all’ascolto e successiva analisi delle nuove idee imprenditoriali cittadine, si svilupperà su più livelli grazie a un’importante rete sinergica messa in piedi da Confcommercio:
Un primo confronto e ascolto del futuro o neo imprenditore con un rappresentante del Gruppo Giovani;
Un secondo step di approfondimento dell’idea imprenditoriale o progetto, grazie alla collaborazione con il CLP, l’Agenzia di Formazione della Camera di Commercio di Genova e punto di riferimento sul tema della formazione per la Creazione d’Impresa, Formazione Continua e attività connesse al sostegno delle imprese;

Quando il futuro o neo imprenditore sarà inquadrato e avrà ricevuto tutte le informazioni necessarie, potrà proseguire il proprio progetto nuovamente supportato dalla struttura della Confcommercio, che sarà in grado, grazie anche al lavoro del proprio ente di Formazione Iscot Liguria, di accompagnarlo nei successivi step di “inizio attività”.


Per tutti gli under 42 interessati al progetto sarà possibile richiedere maggiori info e un appuntamento specifico telefonando al numero 010.5520214 o scrivendo una mail all’indirizzo segreteriasindacati@ascom.ge.it.

«Accompagnare idee imprenditoriali nascenti o crescenti, dando loro un supporto continuo, è fondamentale, viste anche le complessità dei percorsi da intraprendere – ha detto nel suo intervento durante la presentazione del progetto l’assessore allo Sviluppo Econo- mico di Regione Liguria, Andrea Benveduti – Come Regione riprenderemo nei prossimi mesi l’idea della ‘Liguria Business Tutor’, una struttura che potrà senz’altro essere com- plementare a progetti di questo tipo. La collaborazione tra istituzioni e associazioni di ca- tegoria è e sarà fondamentale su questo e molti altri fronti in futuro».

«Avere un punto di ascolto come questo è importante, è un modo per intercettare aspira- zioni, esigenze, incanalare istanze che possono arrivare dai giovani – ha dichiarato l’assessore alla Formazione di Regione Liguria, Ilaria Cavo – Confcommercio costituisce una parte del nostro partenariato e siccome il FSE-Fondo Sociale Europeo è dato innanzi- tutto dall’ascolto, questo è un modo in più per ricevere una visione imprenditoriale nuova, quella costituita dai giovani. Per l’imprenditoria in termini di formazione in passato abbiamo avviato una misura di accompagnamento da 3 milioni di euro. Ora con la nuova programmazione dei fondi europei si valuterà se riproporla, di certo attuare progettualità che puntano sull’autoimprenditoria è un obiettivo che ci diamo».

«È un’iniziativa che trovo lodevole e molto utile – ha commentato l’assessore allo Sviluppo Economico del Comune di Genova, Stefano Garassino – L’impresa giovanile è uno dei capisaldi, anche a livello locale, su cui puntare. A gennaio il mio assessorato farà usci- re un bando sulle start-up e sulle nuove imprese, non solo under 42 ma anche per progetti che diano lavoro. Attraverso l’apertura di questo sportello si potranno realizzare molte idee e trovare soluzioni anche per chi non ha dimestichezza con la burocrazia. Noto con gran- de piacere che a Genova si sta lavorando in sinergia e con costanza tra molteplici soggetti tra cui Comune, Regione, Università e Confcommercio. Tutto questo non potrà che farci guardare con ottimismo al futuro».

«Il supporto alla creazione e allo sviluppo di nuove realtà imprenditoriali sta alla base della mission che CLP persegue da più di 30 anni – ha sottolineato Matteo Gatto, consulente in creazione d’impresa di CLP – Infondere consapevolezza e strumenti decisionali all’aspirante imprenditore permettono da una parte di immettere sul mercato nuovi operatori maggiormente strutturati a fronteggiare le insidie macroeconomiche e la generale superiore competitività, dall’altra di non creare false illusioni e false aspettative da un punto di vi- sta meramente sociale. Pertanto CLP è ben felice di constatare la nascita del “Punto Impresa Futura”, quale strumento con cui confrontarsi e collaborare per potenziare il proprio operato e i propri obiettivi».

«Siamo molto felici che la nostra idea sia stata accolta con entusiasmo dal presidente Odone e da tutta Confcommercio, che ringraziamo per il supporto nella successiva realizzazione. – ha concluso Daniele Pallavicini, presidente Gruppo Giovani Confcommercio Genova – Lo Sportello ‘Punto Impresa Futura’ ha per noi grande valore e grandi potenzialità: Genova e la Liguria hanno molto da esprimere in termini di idee e progetti legati all’imprenditoria giovanile e la nostra volontà è di ascoltare e supportare di più e meglio tutto questo mondo. Oggi l’innovazione e la digitalizzazione da un lato hanno accelerato positivamente alcuni processi ma dall’altro hanno aumentato il rischio di far venire meno valori come la cultura d’impresa e la formazione imprenditoriale: nel point del Gruppo Giovani Genova cercheremo invece di conciliare tutti questi aspetti».

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: