Il progetto segreto: Porta Siberia Spa sanitaria con ristorante sul tetto. Residenti sul piede di guerra

È stata per molto tempo sede museale e ha spazi monumentali che la rendono un luogo espositivo di grande suggestione. La “Porta del Molo” (questo il suo vero nome) starebbe però per trasformarsi in un luogo esclusivo ad usufrutto di pochi. La voce circola da alcuni giorno e gli abitanti del quartiere, che chiesero per l’estate l’accesso alla superficie superiore – negato – come “solarium di quartiere”, sono in subbuglio. Il presidente del Municipio Centro Est Carratù: «Ipotesi folle, lo spazio deve rimanere culturale»

La voce circola da qualche tempo: gli spazi della Porta del Molo potrebbero diventare una “Spa sanitaria” gestita da un gruppo privato. Sul tetto ci sarebbe il progetto di realizzare un ristorante. Molti degli abitanti della zona, però, vorrebbero che rimanesse ad uso pubblico, anche con iniziative a loro dedicate e in caso il progetto si concretizzasse sono pronti a dare battaglia.

La voce è arrivata anche alle orecchie del presidente del Municipio Centro Est Andrea Carratù, che sbotta: «Questa ipotesi sarebbe da folli. Siamo totalmente contrari». Poi specifica quale destinazione dovrebbe avere la porta: «La struttura deve rimanere spazio di cultura. Non siamo contrari a qualsiasi uso diverso. Se poi, a corredo di una gestione culturale, fosse aperto anche un pubblico esercizio può anche andare bene, ma solo se legato a iniziative di tipo culturale»

La Porta del Molo (comunemente ed erroneamente nota come Porta Siberia) fu una delle porte di ingresso alla città di Genova, parte della cerchia muraria del Cinquecento. Progettata da Galeazzo Alessi e realizzata da Antonio Roderio da Carona fra il 1551 ed il 1553. Il nome storico documentato è Porta del Molo mentre il nome comunemente usato oggi di Porta Siberia viene mutuato invece da una porta adiacente, realizzata in tempi più recenti, che nel XX secolo ha dato il nome all’intero complesso. Nel complesso dei lavori per la riorganizzazione del Porto Antico ad opera di Renzo Piano, la porta è stata restaurata e dal 2001 al 2019 ha ospitato il Museo Emanuele Luzzati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: