Cinque anni dalla morte del poliziotto Diego Turra, commemorazione a Bolzaneto e a Ventimiglia

Il vice sovrintendente Turra, in servizio presso il 6° Reparto Mobile di Bolzaneto, perse la vita il 6 agosto 2016 a causa di un arresto cardiaco durante uno dei tanti servizi sostenuti dal Reparto Mobile sul territorio imperiese in prossimità del confine italo francese

«Una disgrazia  che colpì profondamente la nostra categoria  che si trovò di fronte ad una amara realtà con la quale ha convissuto passivamente per troppi anni, ovvero quella del silenzio sulla mancanza di ascolto del disagio – dice Roperto Traverso, segretario del sindacato Siap -.  Un episodio tragico, che però servì ad innescare la necessità di cambiare il modo di vedere questi aspetti,  da quel giorno ad oggi sono stati fatti molti passi avanti per affrontare concretamente l’esigenza di un supporto di ascolto per le problematiche di tipo sanitario e psicologico che ovviamente anche i poliziotti hanno, così come tutte le altre categorie, bisogna  però ancora lavorare tanto…
Non bisogna arrestare il processo innovativo iniziato in tema di introduzione di art. 48 bis nel DPR 782/85,  ribadiamo questo concetto prendendo spunto dalle parole del Nostro Segretario Nazionale Tiani che proprio recentemente ha stigmatizzato il “congelamento” del processo d’introduzione di questo articolo per motivazioni di tipo “ragionieristico” da parte del MEF (Ministero dell’Economia e delle Finanze), il Siap conserva la memoria e con questa la necessità di tutela per il personale  continuando questa battaglia per uno strumento che abbiamo sempre definito “epocale” per la nostra categoria.  Oggi il Siap sarà presente con una propria rappresentanza alle commemorazioni che si terranno sia nel palazzo Comunale di Ventimiglia, che presso la sede del 6° Reparto Mobile di Genova».


«Imprescindibile per noi alimentare il ricordo e tenere viva la memoria per non dimenticare i tragici eventi che  cinque anni fa ci portarono via uno stimato collega, ed un uomo solare, lasciando la sua cara famiglia e tutti gli amici e colleghi» conclude Traverso

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: