Via Fiasella, il gabbiano scende come un’aquila, acchiappa il topo e lo mangia tutto intero

In pieno centro città, in pieno giorno, il volatile è sceso in picchiata e ha preso il topo (nemmeno tanto piccolo) col becco (ha le zampe palmate, non può ghermire come i rapaci). È successo davanti al civico 16 di via Fiasella


Il gabbiano si è poi portato la preda sul tetto di un’auto per ingoiarlo in un sol boccone, con tutta la coda, sotto gli occhi esterrefatti di qualche passante. In centro gatti randagi non se ne trovano più. I predatori della popolazione murina volano. Sono i gabbiani reali zampegialle: uccelli di grosse dimensioni dalla corporatura massiccia. Hanno una lunghezza di 52–58 cm e un’apertura alare di 120–140 cm.

I gabbiani mangiano pesci, ratti, cani e gatti di piccola taglia (fino ai 3 o 4 chili) animali morti e scarti dell’alimentazione umana. Da qualche decennio hanno imparato a trovare cibo nelle discariche urbane, ma prelevano i rifiuti anche dai cassonetti dell’immondizia. Mangiano anche uccelli che possono catturare in volo (come piccioni, storni e rondoni), o prelevano uova e pulcini dai nidi.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: