Spaccata in gioielleria con veicoli a fuoco a Pontedecimo

Gli abitanti hanno sentito esplosioni e hanno visto le fiamme, sono arrivati i Vigili del fuoco e la Polizia locale. Non si trattava di un semplice incendio, ma di una spaccata in un negozio di preziosi. È quindi intervenuta la Polizia di Stato. La strada è rimasta chiusa per ore. I ladri si sono appropriati di 30 mila euro di gioielli

All’1:15 di stanotte gli abitanti hanno chiamato il 112 Nue per l’incendio di alcuni veicoli in via Natale Gallino, all’altezza del civico 13. Sono stati inviati i Vigili del fuoco e, per la viabilità, la Polizia locale. Quando vigili del fuoco e agenti sono intervenuti si sono resi conto che non si trattava di un semplice incendio, ma di un tentativo di spaccata in una gioielleria del quartiere. I malviventi, dopo aver agito portando via 30 mila euro di preziosi, hanno anche lanciato un fumogeno e si sono allontanati a bordo di un mezzo in direzione monte.
Nel frattempo, l’incendio aveva coinvolto più veicoli. A quel punto la strada è stata chiusa e il traffico deviato a senso unico alternato in via Felice del Canto per permettere sia ai Vigili del Fuoco di lavorare, sia alla Polizia di Stato di fare i rilievi del caso.

Un’autovettura completamente bruciata si trovava posizionata trasversalmente alla carreggiata all’altezza della via Campomorone mentre il veicolo piaggio Porter utilizzato per la spaccata era posizionato 100 metri a mare in corrispondenza della gioielleria Cambiaso al 28r. L’ipotesi è che il veicolo sia stato incendiato volontariamente per isolare la zona in cui i malviventi volevano mettere in atto la rapina. Solo alle ore 2.30 è stato possibile riaprire la viabilità verso la via Campomorone. Il capolinea Amt della linea 9 era inagibile per cui Amt lo ha arretrato all’altezza del ponte della Forestale.
La Polizia di Stato ha sequestrato il Porter utilizzato, provento di furto mentre una Fiat Tipo coinvolta dall’incendio appiccato al Porter è stata spostata a lato strada e transennata dal Pronto Intervento Aster che provvedeva anche alla bonifica della carreggiata.  Alle 5 è stata completamente riaperta la viabilità.

Una spaccata simile, ma senza incendio dei mezzi, era stata messa a segno tempo fa nella gioielleria Cicala di Pegli.

Anche in quel caso le vie di accesso furono bloccate per rallentare l’intervento delle forze di Polizia e impedire che qualcuno passasse nella strada, ma furono usati bidoni Amiu semplicemente spostati. Questa volta, invece, è stata spostata e data alle fiamme un’auto privata, posteggiata regolarmente.

Qualche giorno prima di Natale era stato tentato un colpo simile in un negozio di telefonia della Foce, in via Cecchi. I malviventi avevano posteggiato due auto, di cui una rubata certamente, davanti al bersaglio. Un furgone rubato nei giorni precedenti a Serra Riccò era stato usato come ariete, ma il colpo era fallito perché le volanti erano arrivate in pochi minuti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: