30 giorni di prognosi per il controllore Amt pestato da 18enne pregiudicato

Ieri abbiamo raccontato della rocambolesca cattura del ragazzo, acciuffato non senza fatica da un poliziotto fuori servizio dopo aver picchiato un verificatore di titoli di viaggio Amt. La prognosi dell’uomo preso a pugni è stata addirittura di 30 giorni

Ha solo 18 anni il ragazzo italiano acciuffato ieri e arrestato da un poliziotto delle Volanti libero dal servizio, eppure è già pluripregiudicato. La Polizia di Stato lo ha ha arrestato, per i reati di resistenza e lesioni a pubblico ufficiale ed a un incaricato di pubblico servizio (il controllore Amt). Il giovane era anche sottoposto all’obbligo di presentazione alla P.G..

A bordo di un autobus della linea 36, alla vista dei controllori era sceso immediatamente ma, una volta a terra, si era trovato di fronte altri verificatori Amt che gli chiedevano il biglietto. Innervosito dalla richiesta, aveva risposto sferrando calci e pugni e spingendo uno dei controllori che, perdendo l’equilibrio, aveva battuto la testa contro un gradino. Riuscito a guadagnarsi la fuga, si era allontanato in direzione di piazza Dante senza fare però i conti con un poliziotto delle Volanti libero dal servizio che, da lontano, aveva assistito a tutta la scena. Raggiunto dall’agente in un bar di largo Boccardo, aveva aggredito anche lui opponendo una violenta resistenza. Una volta bloccato il fuggitivo, il poliziotto aveva atteso l’arrivo dei colleghi trattenendolo sul posto con non poche difficoltà. Accompagnato in Questura e terminati gli atti di rito, l’Autorità Giudiziaria ha disposto la custodia cautelare agli arresti domiciliari per il neomaggiorenne terribile.

Il controllore Amt, a cui il 18enne ha anche distrutto gli occhiali da vista, è stato condotto all’ospedale e lì i medici hanno deciso una prognosi piuttosto severa: ben 30 giorni.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: