Cgil dopo l’incontro con Toti: “Confermiamo giudizio negativo, ma bene le assunzioni”

<580 assunzioni al San Martino e e nel frattempo anche le altre Asl della regione stanno avviando analoghe selezioni. Apprezziamo il cambio di passo della Presidente che ha annunciato di voler ripristinare al più presto tutti i confronti sulla sanità, ne misureremo passo passo l’efficacia>

<Oggi Cgil Liguria ha confermato al Presidente il giudizio negativo nella passata gestione della Regione della pandemia Covid 19 – lo dicono Federico Vesigna e Fulvio Veirana, di Cgil Liguria -. Già nella prima ondata di contagi tutto il peso dell’assistenza era stato sopportato dai lavoratori del mondo della sanità, in una “guerra” combattuta a mano nude. Senza dispositivi di protezione individuale, con carenze d’organico pesantissime e un’organizzazione a dir poco improvvisata. La seconda ondata era stata prevista: sono state stanziate dal Governo risorse e previsti strumenti ad hoc. In questi mesi abbiamo visto che se si fa tracciamento e si seguono le prescrizioni di sicurezza si può convivere con virus e continuare a vivere e lavorare. Fino ad agosto la Regione ha dato grandi segnali di ottimismo, senza strutturare adeguatamente il sistema sanitario. Oggi ci ritroviamo di nuovo da capo. Dovevano essere avviate assunzioni massive e costituiti piani flessibili di potenziamento delle attività territoriali e di prossimità. Ci troviamo di nuovo con gli ospedali pieni, il personale stremato e i cittadini soli e chiusi in casa. Prendiamo atto positivamente delle prime reazioni alla nostra decisa presa di posizione a difesa dei lavoratori della sanità, pronti a mobilitarci a difesa delle loro condizioni. Sono state annunciate le prime 540 assunzioni dirette fra infermieri ed oss e di 30 medici, le quali selezioni verranno avviate a cura del San Martino e serviranno a sanare  parzialmente le carenze dell’area genovese>.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: