Emergenza pronto soccorso: Scassi chiuso, il Galliera comincia a frenare

Domenica di fuoco per i pronto soccorso genovesi. Quello di Villa Scassi è stato chiuso all’afflusso dei pazienti in emergenza. Il Galliera ha 13 codici rossi in visita e comincia a fermare le ambulanze in attesa

Dopo i primi giorni di provvedimenti, quando l’epidemia era solo agli albori e la gente evitava di andare al pronto soccorso per non contrarre la malattia, sono cominciati gli arrivi di pazienti con patologie respiratorie e polmonari. Molti sono in gravi condizioni. I pronto soccorso sono così tornati a riempirsi. Al Villa Scassi, dove i malati sospetti Covid vengono tenuti in osservazione, nell’Obi (osservazione breve, ci sono al momento 90 persone). Solo il pronto soccorso del San Martino è ora in condizioni di piena gestibilità, ma è probabile che, se anche il Galliera arriverà a chiusura i pazienti non ricevuti dall’ospedale di Carignano sia dirottati lì, come proprio al Galliera sono stati dirottati quelli dello Scassi.

Il presidente della Regione Giovanni Toti ha confermato e ha detto che a fronte della pandemia, non c’è modo di prevenire nuovi intasamenti dei pronto soccorso.

Sotto: i dettagli della chiusura dei pronto soccorso.

In copertina: foto d’archivio

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: