Benveduti: “Grande distribuzione verso la chiusura domenica pomeriggio”

Dopo la richiesta di Cisl e Uil, l’assessore regionale ha contattato i gruppi: <Abbiamo riscontrato la disponibilità di massima di tutti i grandi marchi per la chiusura pomeridiana alla domenica, che verrà vagliata ulteriormente nel corso del nuovo incontro che si terrà nella prossima settimana>

<Una strada condivisa per razionalizzare e uniformare gli orari di apertura, evitando che ogni azienda proceda unilateralmente provocando significative differenze nei riguardi dei cittadini. È la soluzione che abbiamo proposto alla grande distribuzione ligure, in risposta all’appello di Cisl e Uil Liguria dei giorni scorsi, per scongiurare l’ipotesi di una chiusura totale domenicale che provocherebbe un’intensificazione dei flussi nei supermercati nei giorni immediatamente precedenti, oltreché un disservizio alla comunità ligure> dice l’assessore regionale allo Sviluppo economico e al Commercio Andrea Benveduti al termine della conference call con le sigle rappresentative della grande distribuzione regionale.

<Ai lavoratori e alle lavoratrici – continua l’assessore – va il nostro più sentito ringraziamento e la riconoscenza per il servizio essenziale che in queste settimane non hanno mai fatto mancare alla comunità ligure. Recuperare le energie è prioritario in vista delle prossime settimane, ma è altrettanto evidente che chiudere totalmente i supermercati e gli ipermercati alla domenica avrebbe provocato ai cittadini ulteriori disagi in questo momento di emergenza. Pensiamo che agire con buonsenso, responsabilità e nella tutela di tutti quei lavoratori esposti in prima linea in questa emergenza sia un dovere per tutta la politica e le istituzioni>.

<Nei giorni scorsi abbiamo chiesto all’assessore Benveduti – dicono Luca Maestripieri e Mario Ghini, segretari generali, rispettivamente, di Cisl e Uil Liguria, insieme a Silvia Avanzino e Riccardo Serri, rispettivamente segretari regionali di Fisascat e Uiltucs – di intervenire per la sicurezza dei lavoratori dei supermercati che sono sottoposti a turni massacranti e sono in numero sempre più esiguo per poter continuare a garantire il servizio che stanno svolgendo a favore della collettività in questo particolare momento di difficoltà. Abbiamo chiesto di alleggerire i turni estenuanti a cominciare dalle prestazioni domenicali. Per questo serve un atto immediato dell’assessorato perché le varie aziende della grande distribuzione adottino una linea comune su tutto il territorio regionale. Serve senso di responsabilità anche da parte di tutte le aziende della grande distribuzione organizzata. Lo chiedono tutti quelli che lavorano in prima linea, anche per la tutela dei consumatori che devono poter fare la spesa e devono poterlo fare in sicurezza, nel pieno rispetto delle norme anti contagio. Ci auguriamo davvero che possa esserci una risposta. Il tempo è scaduto! Non si può giocare con la salute di chi lavora e con quella dei consumatori. Serve responsabilità, e per questo la Cisl e la Uil continueranno nella verifica quotidiana di orari e protocollo di sicurezza>.

<Siamo sconcertati dalle dichiarazioni dell’assessore regionale Andrea Benveduti sul commercio – commentano, invece, dicono Giovanni Bucchioni e Federico Vesigna, segretari Generali, rispettivamente, di Filcams e Cgil Liguria -. Nella settimana scorsa Cgil Cisl Uil hanno posto con forza il tema delle chiusure domenicali di supermercati e ipermercati e della riduzione dell’orario di lavoro. In questa fase emergenziale, lavoratrici e lavoratori sono sottoposti a condizioni di stress lavorativo non più sopportabili e per questo è necessario garantirgli almeno una intera giornata di riposo. Alle sollecitazioni sindacali il Presidente Toti non ha ritenuto di dover rispondere anche se, in altre regioni di centro destra, Veneto e Friuli tra le altre, hanno adottato ordinanze di chiusura domenicale. In Liguria solo Coop ha raccolto il nostro appello e per questo con Fisascat Cisl e Uiltucs Uil abbiamo scioperato insieme domenica scorsa a La Spezia. Abbiamo chiesto a Cisl e Uil di categoria di estendere lo sciopero a tutta la Liguria, ma ci è stato detto di no e francamente non comprendiamo cosa sia successo nel frattempo. In aggiunta, siamo molto preoccupati dall’iniziativa della Regione Liguria perché forse l’Assessore non ha pienamente compreso la situazione: già oggi la maggior parte dei supermercati è chiusa la domenica pomeriggio. Non vorremmo che dopo il suo intervento, non solo si continuasse a lavorare la domenica, ma che si volesse spingere a far lavorare anche quelle strutture che con sensibilità avevano deciso di chiudere. Se davvero l’Assessore vuole rendersi utile può suggerire al Presidente Toti una ordinanza coerente con le richieste del sindacato. Sino a quel momento la Cgil confermerà lo sciopero, anche da sola, a tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori>.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: