Le ultime notizie

Servizi cimiteriali, gli “aumenti-scandalo” denunciati da Lilli Lauro (Pdl) risalgono alla giunta Vincenzi

I rincari non sono stati effettuati dalla giunta Doria, ma sono vecchi di 4 anni. Da allora si è registrato un solo aumento, nel 2014, pari all’indice Istat (dello 0,80%). Il costo delle fosse trentennali per fanciulli è persino sceso. Dispersione delle ceneri, Tursi ragiona sul progetto “Boschi Vivi”, startup innovativa di interramento nei boschi che reinveste nel verde

ceneri
Gli aumenti dei servizi cimiteriali? Verissimi, ma sono vecchi di 4 anni e sono stati decisi dalla giunta Vincenzi. Risponde così l’assessore comunale Elena Fiorini a Lilli Lauro, capogruppo Pdl in consiglio comunale, che con una nota aveva gridato allo scandalo per i rincari dei servizi cimiteriali. <Corrisponde al vero che alcune tariffe cimiteriali, in particolare quelle relative alle tumulazioni supplementari, hanno subìto un considerevole aumento> dice l’assessore. Ha ragione, dunque, la pasionaria di Forza Italia, consigliere comunale e regionale? Sì, <ma questo è avvenuto nel 2012>.
<Successivamente, tutte le tariffe cimiteriali hanno subìto solo un aumento, nell’anno 2014, dello 0,80%, cioè pari all’indice Istat – continua Fiorini -. Peraltro, con esclusione delle tariffe introdotte con la D.C.C. n. 46/2013 (rinnovi ridotti decennali e ventennali), le tariffe non hanno subìto variazioni, salvo la riduzione riservata alle fosse trentennali per fanciulli sono poi rimaste invariate negli ultimi due anni. Avremmo voluto ridurre ulteriormente i costi ma i tagli nazionali non ci hanno concesso di più>.
Per quanto riguarda la dispersione delle ceneri (al di là del fatto che il 99% delle persone sceglie quando è ancora in vita che le proprie vadano disperse in mare), anche l’assessore Fiorini è d’accordo con Lauro sul fatto che i due luoghi deputati sulla terraferma scelti a suo tempo (Camaldoli e Monte Moro) non siano il massimo, tanto che l’amministrazione sta ragionando, tra le altre cose, sull’alternativa proposta da “Boschi Vivi“, una startup che si concentra sul servizio di interramento delle ceneri che opera in area boschiva e che reinveste in progetti di cura dei boschi.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: