Le ultime notizie

Teatro Duse, “L’uomo dal fiore in bocca” con Gabriele Lavia in scena fino a domenica

L'UOMO DAL FIORE IN BOCCA(Gabriele Lavia)DUSE 30 SETTEMBRE-9 OTTOBRE.JPG

E’ in scena fino a domenica al Teatro Duse “L’uomo dal fiore in bocca” di Luigi Pirandello, coprodotto insieme al Teatro della Toscana. Lo spettacolo è di Gabriele Lavia che ne è anche protagonista insieme a Michele Demaria e Barbara Alesse.
La scena è di Alessandro Camera, i costumi sono del Laboratorio del Teatro della Pergola, le musiche sono di Giordano Corapi, le luci di Michelangelo Vitullo.

Riprendendo la propria novella “La morte addosso”, Pirandello ne ha tratto un atto unico fra i più noti e rappresentati, uno dei capolavori del teatro del ‘900.
In un caffè notturno nei pressi di una stazione, si incontrano due persone. Un avventore che la routine quotidiana ha reso una persona un po’ sbiadita, ha perduto il treno e deve attendere quello successivo. Al caffè c’è anche un individuo un po’ singolare, “l’uomo dal fiore in bocca”, spesso seguito dalla moglie che passa in lontananza come un’ombra: quest’ultimo comincia a raccontarsi all’avventore, fino a rivelargli il suo drammatico segreto.
La vicinanza della propria fine ha reso la mente de “l’uomo dal fiore in bocca” più lucida: ha affinato la capacità d’indagare il mistero della vita, penetrarne l’essenza e riscoprirne la bellezza che gli si mostra in tutte quelle cose, apparentemente insignificanti, che riempiono ogni momento dell’esistenza.

Il regista e protagonista Gabriele Lavia dice: “L’uomo dal fiore in bocca è l’atto unico più breve di Pirandello. Forse l’opera più folgorante. Un capolavoro. Nello spettacolo, il breve atto unico è stato interpolato con “pezzi” di novelle che affrontano il tema del rapporto tormentato tra marito e moglie che viene visto con il distacco di un’ironia che rende i personaggi vicinissimi a noi”.
Dopo “Tutto per bene” e “Sei personaggi in cerca d’autore”, Lavia ribadisce il proprio interesse per Pirandello che più di ogni altro ha segnato il teatro e, di conseguenza, la cultura del nostro tempo. Anche in questo caso il denominatore comune è l’uomo con il proprio genio, le proprie debolezze, l’incomunicabilità con gli altri esseri umani e la vita, fra l’essere e l’apparire.l

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: