Annunci
Ultime notizie di cronaca

Follia in piazza Lerda: ubriaco dà in escandescenze in un bar. Arrestato

polizia

Ubriaco e molesto entra in un bar di piazza Lerda chiedendo altro alcool, ma quando la barista glielo rifiuta la palpeggia, schiaffeggia la sorella che era intervenuta per difenderla, lancia uno sgabello e aggredisce i poliziotti che erano intervenuti per sedarlo. Tutto sotto gli occhi attoniti degli avventori del bar. In manette è finito un 34enne di origini marocchine, pluripregiudicatopolizia

Era già ubriaco fradicio quando è entrato nel bar, ma voleva bere ancora. Quando la barista ha rifiutato di dargli altro alcol, è scoppiato il finimondo. Prima ha cominciato a molestare gli avventori e a palpeggiare insistentemente la barista, poi ha schiaffeggiato la sorella che era intervenuta per difenderla. Un ceffone al viso talmente violento da causarle giramenti di testa e dolore al timpano e da indurla,successivamente, a farsi accompagnare in ambulanza al pronto soccorso, dove verrà medicata con una prognosi di 5 giorni. All’arrivo delle volanti l’uomo, che nel frattempo stava sfogando la sua frustrazione lanciando uno sgabello contro le auto in sosta, ha iniziato ad inveire contro gli agenti, insultandoli e minacciandoli di morte davanti a tutti gli astanti. Al tentativo degli operatori di immobilizzarlo e farlo salire in macchina, il cittadino marocchino ha opposto una forte resistenza, scalciando, sgomitando e provocando anche una distorsione al polso di un agente. Una volta salito in macchina l’uomo ha pure tentato di spaccare il vetro di protezione a testate , sputando ripetutamente all’interno dell’auto di servizio imbrattandola. Neanche in Questura il 34enne si è dato una calmata, anzi ha continuato a minacciare di morte i poliziotti presenti e a proferire innumerevoli bestemmie, rifiutando anche di sottoporsi al fotosegnalamento. L’uomo, alla fine è stato arrestato per resistenza a Pubblico Ufficiale e denunciato per ubriachezza, violenza sessuale, oltraggio, bestemmia, deturpamento e imbrattamento di cose altrui e inosservanza dei provvedimenti dell’Autorità.

Annunci

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: