Industria Senza categoria 

Fincantieri, Mangoni si dimette con buonuscita favolosa. La protesta della Fiom

Il direttore generale di Fincantieri Andrea Mangoni ha dato le dimissioni e verrà liquidato il 10 gennaio con una buonuscita da favola dopo soli 9 mesi di lavoro. Dura presa di posizione della Fiom. Ecco la nota dei metalmeccanici Cgil.

È apparsa la notizia che la Fincantieri pagherà al signor Mangoni il 10 gennaio 2016 ben 3 milioni di euro (buon anno!) come buona uscita dopo le sue dimissioni (si dice per conflitti con l’amministratore delegato) e dopo un lungo rapporto di lavoro durato ben 9 mesi.
Mentre l’azienda ed il suo amministratore selegato ci spiegano da un anno che non sono più possibili aumenti salariali per tutti i lavoratori, che la concorrenza sul mercato mondiale chiede sacrifici, che per queste ragioni l’Azienda ha disdettato gli accordi sindacali provocando una perdita per operai, impiegati e tecnici da oltre 9 mesi per una cifra che ogni mese pesa fra 80 e 110 euro, si trovano facilmente  3 milioni di euro per un dirigente.
Per ottenere la stessa cifra un dipendente Fincantieri deve lavorare oltre 70 anni e chissà quanto di più per un lavoratore degli appalti!  Per il gruppo dirigente di Fincantieri esistono due verità: quella buona per i lavoratori, chiedendo sacrifici, e quella per il consiglio di amministrazione.
Sarebbe interessante conoscere l’opinione del presidente del Consiglio Renzi visto che il governo è proprietario al 70% dell’azienda. Può essere che l’Italia riparta, come ci viene spiegato, ma c’è chi và a nuoto e chi su un panfilo d’oro!

Il segretario generale Fiom Genova
    Bruno Manganaro

Related posts

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: