blitz delle forze di polizia sui posteggiatori abusivi senegalesi a porta siberiaSenza categoria Sicurezza 

Cc, posteggiatore abusivo e spacciatore senegalesi nei guai

Doppia operazione dei carabinieri in centro storico e all’Expo. L’intervento dell’Arma ha portato all’arresto di uno spacciatore e alla denuncia di un posteggiatore abusivo, di quelli che assediano gli automobilisti al Porto Antico costringendoli anche con minacce a pagare “il pizzo” oltre alla regolare tariffa e rigando la macchina di chi non è pronto a sborsare gli euro richiesti, che la sera attivano anche a 10. I posteggiatori abusivi agiscono ormai anche nei posteggi coperti e per questo nei giorni di maggiore afflusso la Porto Antico Spa ha assoldato guardie private che tentano di limitare il femomeno.
blitz delle forze di polizia sui posteggiatori abusivi senegalesi a porta siberia

I carabinieri della Stazione di San Teodoro e Scali, al termine di accertamenti, hanno deferito in stato di libertà per “ ingresso e soggiorno illegale nel territorio dello Stato” nonché sanzionato perché sorpreso ad esercitare la professione di parcheggiatore abusivo, un senegalese di 23 anni, con precedenti di polizia che “esercitava l’attività” in via Porta Siberia.
Ieri in serata, nel centro storico, uno straniero è stato fermato dai carabinieri della Stazione Maddalena mentre cedeva un 1 grammo di “crack” ad uno studente genovese ventunenne. Perquisito, C.F. senegalese 23enne, con pregiudizi di polizia, è stato trovato in possesso di 3 grammi di “marijuana” , 0,5 di “cocaina” e di 1 grammo di “hashish” nonché della somma di 115euro, provento dell’illecita attività. È stato pertanto arrestato per “spaccio di sostanza stupefacente”, venendo poi tradotto nel carcere di Marassi. Lo studente sarà segnalato all’U.T.G. quale assuntore di e stupefacenti. Droga e soldi sequestrati.
L’escalation della criminalità senegalese, che pare agire non al soldo di un livello superiore italiano o di altre etnier, ma in proprio, è sempre più preoccupante. Parte della comunità senegalese, che fino a poco tempo fa era ben accetta anche dagli abitanti perché i suoi membri erano gentili e si tenevano lontani dalla criminalità, è diventata ormai direttamente impegnata, oltre che nella contraffazione, nello spaccio e nelle attività di posteggio abusivo.

Related posts

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: