Spiagge Liguri, è boom. +20-25% secondo Sib Confcommercio

Schermata 2015-08-19 alle 14.11.13
Paura del terrorismo e canicola complici del buon risultato regionale e italiano

Complici la paura del terrorismo nelle destinazioni low cost del Medio Oriente, un po’ il caldo, le spiagge liguri hanno fatto il boom. Registrano una delle maggiori crescite nell’estate 2015: 20% a gugno e 25% a luglio secondo il Sib, il Sindacato italiano balneari di Confcommercio. Meglio di noi, solo la Sicilia a luglio. <Segno positivo praticamente in tutti i litorali italiani nei primi due mesi estivi – commenta il ligure Riccardo Borgo che associa circa 10.000 imprese ed aderisce alla Fipe Confcommercio -. Dopo lo scorso anno, quando piogge e temperature inferiori alla media avevano condizionato le vacanze al mare degli italiani – continua Borgo – nei mesi di giugno e luglio 2015, complici le ottime condizioni meteo, gli stabilimenti balneari hanno lavorato a pieno ritmo con incrementi delle presenze fino al 30% in Campania e Sicilia, anche se il “tutto esaurito” lo abbiamo registrato solo nei week-end>. Gli imprenditori balneari, in tema di tariffe dei servizi di spiaggia, spiegano di aver riproposto anche quest’estate offerte, sconti e pacchetti già sperimentati e apprezzati dalla clientela: ombrellone e cabina condivisi da più famiglie, 3 lettini al prezzo di 2, riduzioni fino al 50% dopo le 14,00, week end gratis per l’abbonamento settimanale, l’opzione “ultimo tuffo”, pochi euro che consentono di restare sul lettino dalle ore 17 fino quasi al tramonto. Certo, le destinazioni low cost dell’Egitto e della Tunisia costano meno, perché pagano meno il lavoro e sono soggette a tassazione inferiore, ma dopo quanto è accaduto nei paesi mediorientali, l’italiano medio non si fida più e preferisce rimanere a due passi da casa. La Liguria torna, dunque, il “mare di riferimento” di Piemonte e Lombardia. Ma non sono solo gli italiani ad affollare le spiagge delle riviere. Bene anche i turisti stranieri che hanno scelto gli stabilimenti balneari italiani per trascorrere la propria vacanza. Sono aumentati i russi e i cinesi, ma anche gli americani, gli inglesi e i tedeschi. Tra i servizi maggiormente apprezzati: la possibilità di mangiare sotto l’ombrellone e il wifi gratuito ma, soprattutto, il salvamento che permette anche ai più piccoli di fare il bagno in tranquillità e sicurezza. <Ci auguriamo che questo trend positivo continui anche ad agosto – conclude Borgo – che anche quest’anno si conferma il mese preferito dagli italiani per le vacanze, già oggi, però, possiamo affermare che i primi due mesi estivi del 2015 sono stati i migliori dell’ultimo decennio>.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: