Cronaca 

Palpeggia una ragazza, poi aggredisce i poliziotti. Il giorno precedente era già stato arrestato per resistenza

La violenza sessuale è avvenuta sulla spiaggia di Pegli. La giovane abusata ha lanciato l’allarme e il diciottenne è stato fermato in via Ansaldo, a Cornigliano, dopo un inseguimento. Lì ha reagito con violenza scagliandosi contro gli agenti e colpendoli con calci e pugni. In due sono finiti all’ospedale. Lui è finito in carcere

Il diciottenne, di origine egiziana, proprio il giorno prima era stato arrestato per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale, ma al processo per direttissima non era stata presa alcuna misura di tipo carcerario. Il ragazzo, in serata, aveva conosciuto una ragazza sulla spiaggia di Pegli e l’aveva palpeggiata. La giovane era riuscita a dare l’allarme.

I poliziotti hanno trovato il diciottenne a Cornigliano, riconoscendolo dalla descrizione della giovane. Si trovava con alcuni amici. Appena ha visto gli agenti, ha prima tentato di scappare, poi ha aggredito gli operatori della Polizia di Stato. I due, medicati al pronto soccorso, hanno ricevuto rispettivamente una prognosi di 6 e 7 giorni.

Il diciottenne è stato nuovamente arrestato e questa volta il giudice ha deciso per lui la misura della custodia cautelare in carcere per la resistenza e le lesioni ai poliziotti. Il ragazzo è stato anche denunciato per violenza sessuale.

Related posts

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: