diritti e sociale 

Novanta senza tetto e membri di famiglia in difficoltà invitati a pranzo in trattoria di Struppa

Un terzo italiani, per il resto stranieri. Qualche anziano e alcuni bimbi con le famiglie. Il quartiere ha risposto con entusiasmo all’iniziativa del titolare, il trentaquattrenne William Galles, donando abiti e giocattoli

Ieri, alla pizzeria ristorante “Botto”, in via Struppa, con l’aiuto del Municipio IV Media Val Bisagno e della Caritas, si é tenuto il pranzo di Natale per persone bisognose offerto dal proprietario.

Successivamente sono stati consegnati regali e vestiti a tutti gli invitati. Erano presente anche monsignor Nicolò Anselmi, l’arcivescovo vicario recentemente nominato vescovo di Rimini e Angela Villani, assessore alle Pari Opportunità del Municipio IV Media Val Bisagno.

«Questo è Il nostro pranzo di beneficenza – scrive William sui social -, lo stesso che ieri mi ha insegnato una lezione. Quella di imparare a sorridere di più e di apprezzare tutto ciò che spesso diamo per scontato ma che scontato purtroppo per molte persone non è.. Aver donato un sorriso in più e un momento di condivisione diverso a tante famiglie mi ha fatto bene, e ha reso un giorno qualunque un po’ più speciale anche per loro, Grazie a tutti quelli che ci hanno sostenuto E grazie a tutti quelli che hanno contribuito a loro volta con doni e giocattoli».

William Galles non è nuovo alle iniziative di solidarietà, Ieri ha volto portare, oltre a un pranzo caldo, anche il piacere di stare insieme, di sorridere, di comunicare.

Related posts

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: