Enti Pubblici e Politica 

Sviluppo Genova, al via la riqualificazione del Parco di Villetta Carbonara

L’area oggetto della trasformazione si sviluppa nella valle a nord dell’Albergo dei Poveri, che ne è il proprietario attraverso il lascito testamentario Emanuele Brignole, e misura circa 18.000 metri quadrati. A sud è marginata dal prospetto posteriore dell’Albergo, ad ovest e nord dal muro di terrapieno di corso Firenze, ad est da aree residenziali

Ex vivaio comunale

Nel dettaglio il progetto «Pinqua-Pnrr» riguarda il recupero dell’ex vivaio comunale situato in pieno centro urbano. L’importo dell’intervento ammonta a 10 milioni di euro e prevede la trasformazione in parco pubblico, anche produttivo, con coltivazioni a chilometro zero, progetti di inclusione sociale e gestito attraverso «Patti di collaborazione» tra cittadinanza attiva e Comune di Genova. I manufatti presenti all’interno ospiteranno un museo botanico, spazi per co-working , bistrot, ristorante, sport e serre dedicate alle associazioni. L’area oggetto dell’intervento a tutt’oggi è utilizzata solo in minima parte, cioè nella porzione a nord dove insistono le cinque serre più antiche del vivaio comunale, e nei due bastioni ad est, al termine dei quali è presente l’edificio in muratura che ospitava la casa del custode (oggi sede associativa) che sono utilizzate per le coltivazioni dell’associazione. Il progetto prevede anche la ricostruzione delle serre con l’allestimento di un “Museo delle felci storiche”, in partnership con l’Orto Botanico dell’Università di Genova.

Oratorio Uomini

All’interno del complesso monumentale dell’Albergo dei Poveri, invece, è previsto il recupero di uno spazio secentesco di circa 1000 metri quadrati, con restauro conservativo dell’unica parte di tetto di tutto il complesso ancora secentesca. L’intervento che ha come committente ASP Brignole prevede un costo di 2,5 milioni di euro e prevede l’allestimento di una sala conferenze. Lo stato di degrado, il crollo di una porzione di volta in canniccio e i risultati delle analisi strutturali che sono state effettuate hanno evidenziato la necessità di predisporre un intervento di consolidamento strutturale in grado di garantire adeguati standard di sicurezza, in relazione all’uso dell’Oratorio. Si è deciso di attuare un intervento di conservazione strutturale, in grado di ri-conferire alla struttura originaria quel livello di sicurezza necessario a garantire la preservazione del bene architettonico e la fruibilità dell’Oratorio. L’intervento progettato consentirà quindi di mantenere e restaurare l’elemento architettonico senza snaturarlo della sua funzione strutturale. «L’obiettivo – spiegano i progettisti – è quello di riparare le lacune che si sono manifestate e a migliorare il comportamento strutturale eliminando quelle fonti di vulnerabilità che minano la sicurezza strutturale della struttura».

Related posts

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: