Facce de Zena 

A Staglieno il ricordo del maresciallo Calà. Morì per salvare una donna che stava annegando

In occasione del 45° anniversario dalla sua morte, la Polizia lo ha ricordato, come ogni anno, con una cerimonia che ha reso omaggio al suo coraggio e al suo altruismo

Commozione questa mattina al cimitero monumentale di Staglieno per la cerimonia in ricordo di Ettore Carlà, Maresciallo di Pubblica Sicurezza medaglia d’oro per il valore civile.

Il Maresciallo Carlà perse la vita il 22 agosto del 1977 a Porto Cesareo nella natia Puglia, dove si trovava in vacanza con la famiglia. Per salvare una donna che stava annegando, si tuffò tra le onde e le lanciò un salvagente improvvisato che consentì di trarla in salvo ma, stremato dallo sforzo, scomparve tra i flutti, sacrificando la propria vita in nome degli ideali di altruismo e umana solidarietà in cui fortemente credeva. Aveva 54 anni e lasciava la moglie e due bambini.

L’anno successivo gli venne conferita la medaglia d’oro al valore civile.

Alla commemorazione erano presenti con i familiari, il Sig. Questore della Provincia di Genova, una rappresentanza dell’A.N.P.S. e molti poliziotti di vari uffici e Specialità.

Alla memoria del Maresciallo Carlà è stata intitolata la sezione di Genova dell’ Associazione Nazionale Polizia di Stato.

Related posts

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: