Economia Sindacale 

Domani e dopodomani taxi in sciopero contro le liberalizzazioni del Ddl Concorrenza

Taxi fermi per 48 ore a partire dalla mezzanotte. Mercoledì la manifestazione dall’Aeroporto al centro, con disagi certi per la viabilità. Garantito esclusivamente il servizio minimo di trasporto per le categorie fragili

Martedì 5 e mercoledì 6 luglio confermato anche a Genova lo sciopero del servizio taxi contro il Ddl Concorrenza e la liberalizzazione del settore.

Per domani è previsto anche un presidio in piazza De Ferrari in contemporanea con la manifestazione a Roma. Per mercoledì mattina, invece, a partire dalle 10 è previsto corteo dall’Aeroporto di Genova al centro cittadino con disagi per la viabilità.

La protesta è nazionale e verrà messa in atto in tutte le città italiane. I tassisti speravano di ottenere qualche risultato, ma l’incontro di oggi al Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili non li ha soddisfatti.

Dalla mezzanotte tra il 4 e il 5 luglio, fino alla mezzanotte del 6 luglio, l’astensione dal lavoro sarà totale. La centrale operativa della Cooperativa Radio Taxi Genova 010-5966 garantirà esclusivamente il servizio minimo di trasporto “sociale” per anziani, portatori di handicap e malati.

La categoria chiede lo stralcio dell’articolo 10 del Ddl Concorrenza che vuole aprire, appunto, alla concorrenza il servizio taxi in osservanza alle normative europee.

Related posts

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: