crop man grasping hand of womanEnti Pubblici e Politica 

Rinnovato il protocollo per captare attraverso i pronto soccorso le violenze contro donne, minori, anziani e disabili

L’intento principale del Protocollo, cioè l’emersione dei fatti di violenza, è garantito, particolarmente, dal monitoraggio, da parte delle Magistratura e delle Forze di Polizia, degli accessi reiterati alle strutture ospedaliere delle vittime attraverso l’estrapolazione di notizie contenute nella Banca Dati Sanitaria di A.Li.Sa. ove vengono registrati tutti gli accessi al Pronto Soccorso, osservatorio privilegiato per intercettare gli abusi

[continua sotto]

Nel contesto delle iniziative di prevenzione e contrasto della violenza di genere l’8 marzo 2018 è stato sottoscritto il “Protocollo per la prevenzione ed il contrasto della violenza nei confronti di donne, minori e persone vulnerabili (portatori di handicap ed anziani) nella regione Liguria” – inRete contro la violenza, la cui missione prioritaria è l’emersione dei fatti di violenza ai danni di donne, minori e persone vulnerabili.
La potenzialità di tale accordo interistituzionale, di durata quadriennale, ha condotto, i sottoscrittori all’opportunità del suo rinnovo.

In particolare nel nuovo Patto, che ripropone sostanzialmente l’impianto originario, sono stati affinati i criteri di estrapolazione dei casi di ripetuti accessi al Pronto Soccorso di donne e minori alla luce dell’esperienza maturata sul campo ed è stato previsto un organismo operativo volto al confronto periodico tra tutti gli attori parte dell’accordo.

Il documento sarà sottoscritto il 7 giugno 2022 presso l’Aula Magna del Liceo Classico Statale Andrea D’Oria di Genova, a seguito di un convegno sul tema a partire dalle ore 10,30.

Nel corso dell’iniziativa verranno resi noti gli esiti delle attività svolte in attuazione del protocollo regionale ed i risultati attesi a seguito del suo rinnovo.

Il programma

10.30 Storie di violenza Rappresentazione a cura degli studenti del Liceo Classico
Statale Andrea D’Oria
” Potevo non morire e invece muoio per te … Alcesti: la storia
che si ripete”

10.45 Saluti istituzionali

11.10 Interventi

RANIERI MINIATI Procuratore Aggiunto presso la Procura della Repubblica di Genova
“Applicazioni giudiziarie del protocollo”

FILIPPO ANSALDI Direttore Generale di A.Li.Sa.
GABRIELLA PAOLI Direttore di S.C. “Ricerca, Innovazione, HTA, Gestione dei Processi Ospedalieri e dell’Assistenza specialistica di A.Li.Sa.
“Il Ruolo di A.Li.Sa. nell’emersione dei fatti di violenza”

PAOLO CREMONESI Referente regionale del Piano Strategico Nazionale sulla violenza maschile contro le donne e Direttore del Dipartimento di Emergenza e di Pronto Soccorso Ente Ospedaliero Ospedali Galliera
“Il Pronto Soccorso: l’intercettazione dei fatti di violenza e la cura della vittima”

TIZIANA PAOLILLO Procuratore della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni
di Genova
“La ricaduta sui minori delle violenze intrafamiliari”

FRANCESCO COZZI Garante dell’Ateneo – Università degli Studi di Genova
“Il ruolo dell’Università nell’attuazione del protocollo”

MANUELA CACCIONI Psicologa responsabile del Centro antiviolenza Mascherona e
Casa rifugio
“Il lavoro dei Centri antiviolenza e delle Case rifugio per uscire
dalla violenza”

ARTURO SICA Psicoterapeuta Centro WhiteDove e Consulente Commissione
Femminicidio del Senato della Repubblica
“Percorsi di cambiamento per uomini autori di violenza nelle relazioni affettive“

VALENTINA GUIDUCCI Psicoterapeuta del Liceo Classico Statale Andrea D’Oria
“Un livido nell’anima: il ruolo della psicologia scolastica nei percorsi di uscita dalla violenza”

VITTORIO DE BENEDICTIS Giornalista
“Alcesti fa notizia? Come si racconta la tragedia nel tempo dei media oggi”

12.45 Epilogo Interpretazione a cura degli studenti del Liceo Classico
Statale Andrea D’Oria
“Alcesti: la fine della storia fra realtà e speranza di riscatto”

12.50 Sottoscrizione del protocollo

Presenta: Carla Peirolero

Related posts

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: