Politica 

I comitati del “no” fanno fronte comune: «Presto incontri e manifestazioni»

I comitati che hanno partecipato all’iniziativa: Comitato di Via Vecchia e Strade Limitrofe, il Comitato Difesa del Parco dei Forti e delle Mura di Genova, il Comitato Liberi Cittadini di Certosa, il Comitato Nervi 2022 No ZTL e il Comitato Cittadini Banchelle. Presenti alcuni dei presidenti dei Municipi attualmente gestiti dalla minoranza a Tursi

Hanno accolto l’invito: per il Municipio II Centro Ovest il Comitato Via Ardoino e Landi, il Comitato Officine Sampierdarenesi e il presidente del Municipio Michele Colnagni; per il Municipio III Bassa Valbisagno il Comitato contro la cementificazione di Terralba, il Comitato Sì Tram e il presidente del Municipio Massimo Ferrante; per il Municipio IV Media Valbisagno il Comitato Abitanti Sotto Ponte Bisagno, l’Associazione Amici di Ponte Carrega e il presidente del Municipio Roberto D’Avolio; per il Municipio V Valpolcevera l’Associazione Quelli del Ponte Morandi, il Nuovo Comitato spontaneo Trasta-Fegino, Rete Cittadini “Insieme per la salute di tutti”, l’Associazione Progetti Comuni e il presidente del Municipio Federico Romeo; per il Municipio IX Levante il Movimento Salviamo la piscina di Nervi e il Movimento No alla Cementificazione di Nervi.

«Sono stati esposti tutti i problemi rimasti insoluti sul territorio genovese da Levante a Ponente – recita una nota dei comitati -, come ad esempio la realizzazione di una zona ZTL a Nervi che ha creato molti disagi ai residenti e ai commercianti oppure il problema dei depositi chimici a Sampierdarena e ancora i tantissimi problemi della Valpolcevera e della Valbisagno, una sequenza interminabile di criticità che hanno un unico denominatore comune, la totale mancanza di informazione, di condivisione e di confronto da parte dell’attuale Amministrazione comunale con i cittadini e i municipi. Obiettivo comune, quindi, è quello di contrastare il modello inadeguato della gestione territoriale da parte della giunta ancora in carica, creando il giusto coordinamento tra i comitati su tutto il territorio genovese, in modo da fare un fronte compatto contro i progetti calati dall’alto, per intervenire solidalmente ed efficacemente su tutte le questioni, senza influenze partitiche».

La conferenza è terminata con l’accordo dei comitati presenti di organizzare al più presto incontri pubblici e manifestazioni per informare e coinvolgere tutta la cittadinanza.

Related posts

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: