Euroflora: un premio per ricordare Giannino Robiglio. Va alla Regione Liguria

Il premio dedicato a Giovanni Robiglio è stata un’occasione, voluta fortemente dai collaboratori del Garden Robiglio e subito condivisa da Confagricoltura, per ricordare con un premio a suo nome un grande protagonista della floricoltura ligure, una figura determinante per la nascita e la crescita di Euroflora e dalle eccezionali doti umane

Dopo i saluti istituzionali di Mauro Ferrando, presidente della Porto Antico Spa, il ricordo commosso degli amici e dei compagni di una vita, dai floricoltori Gino Raffo e Carlo Pastorelli a membri storici dello staff di Euroflora come Pia Inzirillo, Daniela Miraudo e lo stesso Rino Surace, oltre al suo medico personale e grande amico Gianluca Boccardo. Ma anche Elena Manara, per molti anni al suo fianco in Camera di Commercio, dove per 15 anni Robiglio ha rappresentato il mondo dell’agricoltura. E poi ancora Luca De Michelis, presidente di Confagricoltura Liguria, che si è soffermato sui 50 anni di attività di Robiglio all’interno di Confagricoltura. A concludere questo viaggio nel tempo Matteo Lavarello, architetto progettista sia di Euroflora 2022 che del grande spazio della Liguria, il cui speciale rapporto con Robiglio nacque, quando ancora ragazzino, seguiva il padre Marco, progettista di ben sei edizioni della manifestazione, dal 1971 al 1996.

Il premio Giovanni Robiglio è un premio importante, celebra il primo tra i primi, ovvero l’espositore che ha ottenuto più riconoscimenti. Alla sua prima edizione, è stato assegnato alla Regione Liguria, alla quale ne sono andati la bellezza di 50, con un Gran Premio d’onore, un Premio d’onore, un Premio Speciale, 27 primi premi, 14 secondi premi e 6 menzioni delle giurie.

Nella foto: “Giannino” Robiglio, indimenticato motore di tante edizioni di Euroflora

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: