I Carabinieri arrestano banda di scippatori. Ben 75 colpi in centro storico, sui treni e in riviera

Eterogenea la tipologia delle vittime cadute sotto le grinfie del gruppo criminale: anziani, adulti, giovani, pendolari a bordo treno o passeggeri in attesa

Questa notte, nel capoluogo ligure, militari della Compagnia CC di Genova Centro, al termine di una complessa e articolata attività investigativa – iniziata a settembre 2021 e coordinata dalla Procura della Repubblica di Genova – che ha consentito di identificare un gruppo criminale dedito alla commissione di furti e scippi nel “Centro Storico” genovese, nonché svariati furti a bordo di treni in transito nei vari comuni della riviera ligure, hanno arrestato e tradotto in carcere, a Marassi, 6 stranieri – tutti di origine africana, senza fissa dimora e pluricensiti penalmente – ritenuti responsabili, a vario titolo, di ben 75 episodi delittuosi specifici.

Nel corso delle indagini, il Nucleo Operativo della citata Compagnia, ha effettuato altri 8 arresti (in flagranza, a seguito di ordinanza e per fermo di P.G.), principalmente giovani di origine maghrebina, a riscontro dei numerosi “reati predatori” commessi.

Il modus operandi era variegato: decine i furti con destrezza di portafogli e cellulari e sottratti dalle borse o dalle giacche a locali cittadini o ad ignari turisti, numerosi i furti avvenuti sia nei pressi delle pensiline ferroviarie ai danni di viaggiatori, sia a bordo treno (regionali e frequentati da pendolari ovvero a lunga percorrenza). Spesso gli arrestati, dai bagagli collocati nell’apposito scompartimento a fine vagone, sottraevano macchine fotografiche, computer portatili, tablet e altri oggetti di valore (tra cui anche strumenti musicali), approfittando della distrazione dei passeggeri allontanatisi momentaneamente dal loro posto assegnato. Talvolta, in prossimità delle fermate, sottraevano qualsiasi oggetto di valore riposto sui tavolini per poi dileguarsi scendendo repentinamente dal treno, confidando nell’impossibilità della vittima di reagire, indotta a non inseguire il reo per non lasciare incustoditi i restanti effetti personali a bordo treno. 

Tra gli episodi contestati agli indagati vi è il caso, in particolare, di un’anziana signora che, alla guida della propria autovettura, veniva fermata con la scusa dell’investimento di un gatto, e le veniva sottratta repentinamente la borsa appoggiata sul sedile passeggero.

È stata accertata, altresì, la presenza di un sistema rodato che prevedeva l’impiego di osservatori in costante contatto via auricolare, mediante la funzione della cd. conferenza telefonica, i quali, una volta individuate le potenziali vittime, facendo particolare attenzione ad abiti firmati, orologi o borse di marca, provvedevano ad avvisare i complici in maniera da entrare in azione nel momento migliore.

A volte gli indagati pedinavano per giorni il soggetto ritenuto “di interesse” prima di compiere la rapina: l’indagine prende, infatti, il nome dalla rapina subita da un professionista milanese, in vacanza a Genova, al quale, a seguito di un vero e proprio agguato pianificato, è stato sottratto un orologio marca “Patek Philippe” del valore commerciale di oltre 40.000 euro. 

Una parte dei beni sottratti è stata già riconsegnata agli aventi diritto, mentre per la rimanente refurtiva proseguono gli accertamenti finalizzati ad individuarne i legittimi proprietari.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: