Nella notte tempesta di fulmini a grandine sulla città

Superlavoro per i Vigili del fuoco soprattutto nei quartieri del levante della città dove si sono verificati danni per il vento con rami spezzati e caduti

Notte molto movimentata, quella appena trascorsa, per i Vigili del fuoco di Genova. A causa della forte perturbazione che ha colpito il capoluogo ligure, i Vigili hanno operato in diversi scenari: caduta alberi, rami pericolanti, allagamenti e incidenti stradali. In totale, dalla mezzanotte alle otto del mattino, sono state 26 le operazioni di soccorso.


Arpal parla di «Precipitazioni temporalesche d’intensità anche moderata, accompagnate da locali grandinate, hanno interessato nella notte la Liguria, soprattutto il centro Levante. La cumulata oraria massima, 22.6 millimetri, si registra a Reppia (Né, Genova) dove sono caduti 5.2 millimetri in 5 minuti e una cumulata totale in 12 ore (la massima finora) di 56.4. Sempre in un’ora 20 millimetri a Cavi di Lavagna (Genova), 18.4 a La Macchia (Varese Ligure, La Spezia), 18.2 a Genova Centro Funzionale».

La Malga Zanoni, a Borzonasca, si è svegliata imbiancata e sotto una fitta precipitazione nevosa.



Le precipitazioni insistono ancora sul centro ma soprattutto sul Levante: nell’ultima ora 15.6 millimetri (intensità moderata) a Panesi (Cogorno, Genova) mentre qualche pioggia, debole, si registra anche a cavallo tra imperiese e savonese.
Venti forti con raffiche di burrasca o burrasca forte in particolari sui rilievi: toccati i 135.5 km/h a Casoni di Suvero (Zignago, La Spezia), 124.6 al Lago di Giacopiane (Genova), 113 a Fontana Fresca (Sori, Genova).

Nelle immagini sotto: la mappa delle fulminazioni, la distribuzione delle piogge nelle ultime 12 ore e lo scatto del radar alle ore 7.15.

In copertina: foto di Rossella Bianchi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: