Sicurezza: la rabbia dei lavoratori ex Ilva, in strada in direzione della Prefettura

Alle 9 l’incontro con il prefetto Renato Franceschelli a cui i sindacati e le Rsu diranno del pericolo che ritengono di correre e delle risposte che mancano da Acciaierie d’Italia.

In testa lo striscione rosso: “Non si può morire sul lavoro”. Qualche giorno fa, in stabilimento si è sfiorata la tragedia: si è spezzato un cavo e un coil di 10 tonnellate è caduto a terra dall’alto.

I lavoratori sono ora in corteo sulla Strada Guido Rossa in direzione di piazza Savio, via Cornigliano, piazza Massena.

Sotto: Armando Palombo (Fiom Cgil): «L’azienda non ha avuto nemmeno la decenza di incontrare i lavoratori».

Articolo in aggiornamento.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: