Volontari in opera a Villa Imperiale, ritrovata un’altra siringa, proprio dietro la Biblioteca Lercari

Gli “Amici di villa Imperiale”: «L’abbiamo fotografata, sia mai che qualcuno non ci creda». Il timore è che il problema venga preso sottogamba. Poi hanno chiamato la Polizia come indicato dalla giunta nel corso di un Consiglio comunale a seguito di un’interpellanza. Hanno dovuto attendere 55 minuti l’arrivo della Volante. Dall’Amministrazione si attendevano, probabilmente, molto di più del consiglio di chiamare le forze dell’ordine, magari un intervento del Comune per risolvere le situazioni di degrado

«Stavolta siamo partiti dalla parte più alta della Villa, dai giochi sopra la scuola Rodari – dicono i volontari -. Tra i ritrovamenti insoliti: un casco, una ciotola per cani e un calzino infeltrito». Poi si sono dovuti confrontare con il camion dell’Amiu dove hanno depositato più di una ventina di sacchi di rifiuti pieni e

«Purtroppo, lo scenario è tristemente sempre lo stesso con l’aggiunta dei resti delle feste organizzate per i bambini: pezzi di palloncini coriandoli stelle filanti e cartoni di succhi di frutta carte di caramelle e merendine e bottiglie di plastica infilate nei buchi di scolo dei muri… Dei veri geni di inciviltà!!! – dicono i volontari -. Da qui una preghiera ai genitori: poter festeggiare i compleanni dei nostri figli in Villa è una bellissima possibilità, una grandissima fortuna! Avere l’accortezza di lasciare il posto tutto pulito sarebbe il minimo sindacale e soprattutto una lezione di civiltà per i nostri figli. Purtroppo anche oggi ci è capitato di trovare un’altra siringa. Proprio dietro la biblioteca Lercari. Nonostante la nostra segnalazione ed i seguenti sopralluoghi accurati predisposti dalle istituzioni. L’abbiamo fotografata perché non sia mai qualcuno non ci creda. E abbiamo seguito la procedura – come ci è stata indicata – chiamando la Polizia.
Abbiamo aspettato 55 minuti interrompendo le operazioni di pulizia».

«Speriamo che il nostro allarme sul degrado e l’inciviltà dilagante non rimanga ancora inascoltato – proseguono all’associazione -. Speriamo che vengano fatti i dovuti controlli per arginare questa straripante inciviltà di chi impunemente non rispetta le leggi, di chi butta “rumenta” a terra, di chi non raccoglie le deiezioni dei cani, di chi lascia i cani liberi, di chi dà da mangiare ai piccioni, di chi imbratta e rompe le panchine, i muri etc… Speriamo davvero che la Villa ed il nostro quartiere possano essere un posto sicuro per i nostri figli».

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: