Il Sindaco: «Gronda di Levante attraverso il tunnel della Fontanabuona per bypassare la città»

Bucci ha annunciato a “La Colazione col sindaco” la progettazione della bretella per evitare che la logistica dei mezzi pesanti vada a pesare sul traffico cittadino. C’è anche l’Ipotesi di realizzare un trenino sotto le mura per collegare il Waterfront di Levante con il centro storico e il Porto Antico

Una “gronda di levante” che passi per il tunnel della Val Fontanabuona per raggiungere Bargagli e, poi, l’autostrada. Stamattina il Sindaco Marco Bucci la ha annunciata stamattina a “La Colazione col Sindaco” che oggi si è tenuta al Centro Agroalimentare di Bolzaneto. «Serve un sistema logico per bypassare Genova, per tutta la logistica che non deve passare in città e non deve dare fastidio al traffico cittadino».

«Il tunnel delle Ferriere, da levante a Ponente, che collega Val Fontanabuona, Ferriere e Bargagli è molto utilizzato. Ma, a parte quello, noi non abbiamo tunnel orizzontali, solo collegamenti verticali dal mare ai monti. Dobbiamo mettere in comunicazione l’alta Val Bisagno con la Val Fontanabuona. È già progettato un tunnel tra Molassana a via Sardorella. Si tratta di gallerie di un chilometro e mezzo: sono gestibili dalla città, non servono le autostrade. Sarebbe una rivoluzione molto utile».

Bucci ha ricordato che in porto e logistica lavora poco meno di un terzo degli occupati genovesi «Sono 70mila su 235 mila» ha detto.

Il presidente di Confcommercio ha ricordato anche la necessità del quadruplicamento dei binari da Tortona e Milano. «Oggi il Frecciarossa impiega 2 ore e 5 minuti tra Genova e Milano – ha detto -. Dobbiamo arrivarci in 50 minuti. So che si sta facendo un lavoro a Roma per i fondi del Pnrr».

«Il progetto è già fatto e diventerà realtà per la fine del 2026 – ha detto Bucci -. A fine 2024 avremo il primo treno che da Genova arriverà a Milano in 50 minuti attraverso il terzo valico. Per fine 2026 tutti i treni arriveranno in 50 minuti a Milano. Il quadruplicamento serve perché possano arrivarci tutti i treni. Vorremmo anticipare al 2025».

Il Odone e il Sindaco ha parlato anche della Stazione di Erzelli. «Ha ragione Raffaella Paita – ha detto Odone – quando dice che bisogna far sì che venga accelerata». Bucci ha confermato che la necessità di accelerare è importante. «Il progetto è pronto, anche per il people mover, la funicolare in piano che viaggia sui binari e viene trascinata da una fune. Per la stazione di Erzelli e il collegamento con l’aeroporto il progetto è pronto. Deve essere terminato prima che apra l’Università ad Erzelli. Potrà portare 4 mila persone l’ora».

Parlando, invece, di posteggi e Waterfront di levante, Bucci ha detto che in piazzale Kennedy ci saranno 700 posti auto in sotterranea mentre in superficie ci saranno 4mila alberi. «Il parco di Punta Vagno arriverà a Forte Stella, oltre il padiglione Jean Nouvel. C’è anche l’Ipotesi di realizzare un trenino sotto le mura per collegare il Waterfront di Levante con il centro storico e il Porto Antico» ha detto Bucci, rispondendo al direttore di Confcommercio Ornella Caramella che ha chiesto che il Waterfront non resti separato dalla città.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: