Infortuni sul lavoro, Cgil: «In Liguria +94% nei primi due mesi dell’anno»

man wearing welding mask covered in welding smokes

«Pesa il Covid, ma i numeri sono comunque ancora troppo alti». Ben 5.557 denunce a gennaio e febbraio

Sono 2.041 le denunce di infortunio sul lavoro in Liguria nel mese di febbraio per un totale di 5.557 nei primi due mesi di quest’anno: +94 per cento rispetto allo stesso periodo del 2021. I dati Istat licenziati oggi ed elaborati dall’Ufficio Economico Cgil Liguria rilevano incrementi maggiori per le donne (+148%) e nei settori più interessati dalle nuove ondate di denunce covid: sanità e assistenza sociale +160%; pubblica amministrazione e difesa +323%; trasporti e logistica +161%; commercio +249%. Meno coinvolti i settori tradizionali come attività manifatturiera (+12%) e costruzioni (+37%). Nel periodo esaminato si registra anche un infortunio mortale nel savonese.

«Al netto degli infortuni sul lavoro determinati dalla pandemia i numeri continuano ad essere troppo alti – commenta Maurizio Calà, segretario generale Cgil Liguria – Oltre a più formazione e maggiori controlli, il mondo del lavoro ha bisogno di una vera e propria rivoluzione culturale che rovesci l’assunto sicurezza uguale costo – e aggiunge – sono necessarie maggiori risorse da dedicare a prevenzione e a nuove assunzioni per gli ispettori del lavoro»

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: