Altroconsumo: «La guerra cambia la spesa e fa lievitare i prezzi». Spesso senza ragione

woman standing beside pineapple fruits

L’associazione che tutela i consumatori: «Il conflitto in Ucraina è arrivato ormai ad impattare diversi ambiti della vita quotidiana occidentale. Nello specifico, le conseguenze più gravi si stanno riversando sulla diminuzione di disponibilità di prodotti di prima necessità nei supermercati, causata principalmente dalla paura di non poterne reperire per limiti di approvvigionamento legati alle zone del conflitto. Tuttavia, su alcune categorie si sta sviluppando una percezione falsata che porta a un aumento ingiustificato della preoccupazione dei consumatori e a conseguenti comportamenti non necessari»

Come dimostrato da una recente indagine Altroconsumo, il 50-60% dei rispondenti crede e teme che ci sia già una minore disponibilità di prodotti sugli scaffali dei supermercati. L’impatto del conflitto non è al momento arrivato fino a questo punto. A preoccupare realmente nei supermercati sono gli aumenti dei prezzi di vendita di tali prodotti che invece hanno subito dei rialzi. Anche in questo caso però, Altroconsumo dimostra come la diffusa percezione di un aumento causato dalla guerra non sia corretta: l’Organizzazione ha, infatti, fotografato come l’andamento dei prezzi ha iniziato ad aumentare già da prima mentre il conflitto non ha ancora avuto un reale impatto su questo frangente.

MANCANZE FRA GLI SCAFFALI: L’OLIO DI GIRASOLE È IL PRODOTTO MENO REPERIBILE MA SOLO NEL 20% DEI CASI

Altroconsumo ha realizzato un’indagine intervistando circa 1.500 consumatori iscritti alla piattaforma ACmakers (progetto Altroconsumo atto al coinvolgimento diretto degli utenti), che hanno raccontato cosa hanno realmente trovato negli scaffali durante la loro ultima spesa presso supermercati, ipermercati e discount. Dall’inchiesta emerge che ci sono dei prodotti meno disponibili di prima ma non a livelli davvero allarmanti.

Fra gli articoli di prima necessità meno reperibili troviamo in primis l’olio di semi di girasole (mancante nel 20% dei casi), l’olio di mais (15%) e la farina bianca (11%). Questi sono i prodotti di cui si teme di più la mancanza in quanto se ne parla molto in relazione al conflitto; in realtà, per quanto riguarda il mais e l’olio di girasoleabbiamo ancora scorte, mentre, per quanto riguarda la farina bianca, le importazioni italiane da Russia e Ucraina sono davvero ridotte e poco impattanti. È da sottolineare che l’indagine si focalizza sulla disponibilità a scaffale dei prodotti, sarà ad ogni modo necessario continuare a monitorare anche gli effetti sullo scenario produttivo (nel caso dell’olio, ad esempio, bisogna tenere conto dell’utilizzo come bene intermedio). Il 18% degli intervistati, inoltre, non ha trovato disponibilità di branzini freschi e il 17% di orate fresche. Questo fenomeno, probabilmente, è dovuto al fermo dei pescherecci delle scorse settimane a causa dal caro benzina.

Non emergono invece mancanze a scaffale per altri prodotti che avrebbero potuto essere oggetto di accaparramento perché a lunga conservazione e quindi tipicamente acquistati da chi vuole fare scorte in vista di rincari o carenze.

PREZZI: AUMENTO REGISTRATO GIÀ DA PRIMA DEL CONFLITTO

La situazione che si sta delineando sugli scaffali italiani è figlia di molteplici componenti. La ripresa economica del Paese nell’ultima fase della pandemia si è scontrata con una serie di difficoltà nel reperimento di alcune materie prime a causa di eventi climatici particolari e di raccolti non soddisfacenti da parte di alcuni paesi importatori storici (ad esempio gli scarsi raccolti di frumento tenero del Canada nel 2021). A questo si è aggiunto il conflitto russo-ucraino che, ha portato con sé una forte impennata dei costi energetici e di forniture di gas che ha colpito non solo il settore del trasporto ma anche la produzione diretta di beni, soprattutto nelle aziende più energivorecome ad esempio proprio quella dei prodotti da forno e dei pastifici.

Altroconsumo ha concentrato la propria indagine analizzando i prezzi di 7 prodotti molto consumati dagli italiani: pasta di semola, farina 00, olio di oliva, zucchero da barbabietola, caffè in polvere, latte a lunga conservazione e passata di pomodoro. Sono stati registrati i dati di crescita dei prezzi fino al mese di febbraio 2022 (quindi a conflitto già iniziato) per capire se davvero la guerra in Ucraina ha portato a un’impennata di cui tutti hanno timore. In realtà il dato più significativo che emerge è che gli aumenti di prodotti come pasta, farina, olio extravergine d’oliva e zucchero sono in crescita costante già dallo scorso anno, rispettivamente del 14%, 11%, 9% e 7%.

Gli aumenti dell’ultimo mese rilevato (febbraio), infatti, non indicano uno scatto in alto anomalo rispetto agli ultimi mesi. Anzi, per molti prodotti durante questo mese il prezzo a scaffale è persino diminuito: ad esempio quello della farina 00 (passata 0,74€ al chilo di gennaio allo 0,72€ al chilo di febbraio), ma anche dell’olio extravergine di oliva (passato da 4,39€ al litro ai 4,29€ al litro di febbraio).

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: