Un albero e una targa a Villa Gruber per ricordare Francesca Bonello

Un albero e una targa “Per ricordare e perché non succeda mai più” sono stati inaugurati questa mattina durante la cerimonia per Francesca Bonello, la studentessa genovese che, sei anni fa, durante l’Erasmus in Spagna, perse la vita insieme a 12 compagne, nel tragico incidente stradale in pullman a Tarragona

La cerimonia di piantumazione del cedro e la scopertura della targa con i nomi delle vittime si è svolta nel parco di Villa Gruber De Mari. Sono intervenuti il sindaco di Genova Marco Bucci, il presidente del Municipio Centro Est Andrea Carratù, l’assessore municipale Andra Grasso, i genitori di Francesca, Paolo e Anna Bonello, e la sorella Marta.

«Genova non dimentica Francesca Bonello e le altre vittime dell’incidente di Tarragona – afferma il sindaco Marco Bucci – Quello di oggi è un gesto molto semplice, un ricordo. Questo albero piantato simbolicamente a Villa Gruber, crescerà e terrà viva la memoria delle tredici giovani scomparse. Oggi, commemorando Francesca e le altre 12 ragazze, Genova si unisce idealmente alla richiesta di giustizia che i familiari e gli amici delle vittime attendono ormai da sei lunghi anni. La targa sul prato è, inoltre, un modo per sensibilizzare i cittadini sul tema della sicurezza stradale, per far sì che tragedie come queste non accadano mai più».

«Il cedro piantato rappresenta Francesca nel suo essere sempreverde con il suo sorriso, con il suo spirito di servizio – dichiara l’assessore alla Cultura e alla Formazione di Regione Liguria Ilaria Cavo -Siamo felici che da oggi ci sia un luogo vicino a dove abitava che la ricorda, come siamo orgogliosi di aver istituito una borsa di studio universitario che porta il suo nome. Tutto questo la fa sentire ancora ‘Fra di noi’».

La dedica di una targa e di un albero a Francesca Bonello e alle compagne fa seguito a una mozione promossa dal consigliere municipale Alberto Cattaneo (Pd) e recepita dalla giunta.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: