Mente sull’identità per non finire in carcere, ma le sue impronte digitali lo sbugiardano

close up photo of fingerpints on paper

È stato arrestato dalla Polizia di Stato in via Gramsci ieri alle 20:40

La Polizia di Stato ha arrestato un 32enne algerino in ottemperanza all’ordine di custodia cautelare in carcere emesso il 26 ottobre scorso dal Tribunale di Genova.
L’uomo, arrestato a settembre per aver commesso diversi furti con destrezza, era stato sottoposto a divieto di dimora nella provincia di Genova. Per due volte il mese scorso era stato denunciato dagli agenti poiché trovato in centro storico senza giustificato motivo. Ieri, sapendo di rischiare l’inasprimento della pena, ha fornito false generalità ai poliziotti del Commissariato Centro che lo hanno fermato in Via Gramsci.
Da riscontro dattiloscopico però è emersa la sua vera identità e per lui si sono aperte le porte del carcere.

In copertina: foto di repertorio

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: