Toti: «Pronti ad applicare circolare Ministero e a usare anche Moderna per la dose booster»

government health hospital medicine

Questo indipendentemente dal vaccino utilizzato in precedenza

«La Liguria è pronta ad applicare la circolare del Ministero che aggiorna i vaccini utilizzabili per le dosi booster: sarà possibile usare anche Moderna, una soluzione pronta che non richiede preparazione, utile in particolare nell’ambito delle strutture extraospedaliere, come ad esempio le rsa. La dose “booster” del vaccino Moderna può essere utilizzata dopo almeno sei mesi dal completamento del ciclo vaccinale primario, indipendentemente dal vaccino precedentemente utilizzato». Lo comunica il presidente di Regione Liguria e assessore alla sanità Giovanni Toti.
Ad oggi sono più di 49 mila le prenotazioni per le terze dosi. Le persone vaccinate in Liguria con almeno una dose oggi sono 1.172.419, pari all’84,75% della popolazione residente in Liguria over 12 (fonte: Istat, 1 gennaio 2021). Le persone che hanno completato il ciclo vaccinale sono 1.100.641, pari al 79,56% della popolazione vaccinabile (fonte come sopra). Per quanto riguarda le prenotazioni di terze dosi delle singole fasce: 1.790 sono quelle effettuate dagli immunocompromessi, 4.482 dagli operatori sanitari, 3.608 dagli ultravulnerabili, 10.789 dalla fascia di età 60/80 e 28.462 dagli over 80.

«La nostra campagna vaccinale non si ferma ribadisce il presidente Toti – perché pensiamo che sia questa l’unica strada per uscire dal Covid e ritornare a una vita normale. I gesti di violenza come quelli compiuti nell’imperiese, nell’hub vaccinale di Camporosso e anche davanti all’ospedale di Bordighera da parte di alcuni no vax non cambiano di una virgola la nostra linea. Si tratta solo di gesti vigliacchi e violenti che non hanno alcuna presa sulla maggioranza dei cittadini che crede nei vaccini e nella scienza come atti di civiltà e di progresso».

Intanto l’incidenza dei casi positivi su 100.000 abitanti nell’ultima settimana è passata a 43, di cui 34 a Savona, 49 alla Spezia, 63 a Imperia, 34 a Genova. Sono 10 i posti letto occupati nelle terapie intensive della Liguria e in leggero aumento quelli nelle medie intensità a quota 72. Sono 111 i nuovi positivi di cui 19 nella Asl 1 Imperiese, 27 nella Asl 2 Savonese, 18 nella Asl 3 Genovese, 14 nella Asl 4 e 26 nella Asl 5 Spezzina. Sette coloro che non sono riconducibili alla residenza in Liguria.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: