Sindacale 

Blocco dei treni dei no green pass, Cgil e Filt: «Atto irresponsabile»

Il sindacato: «Il vaccino è lo strumento per lavorare e viaggiare in sicurezza. Bloccare i treni violerebbe la legge». L’occupazione delle stazione e lo stop al traffico ferroviario è stato annunciato sulle chat dei no green pass per il 1º settembre

«Chi annuncia la volontà di bloccare i treni a Genova Principe il prossimo 1 settembre per protestare contro il green pass obbligatorio sui treni a lunga percorrenza commette un grave errore» dicono alla Cgil.

«Per noi sarebbe un serio atto di irresponsabilità – spiegano Fulvia Veirana, segretario generale Cgil Liguria e Laura Andrei, segretario generale Filt Liguria-. Auspichiamo un doveroso ripensamento dei promotori della protesta»

Per Cgil e Filt «Il trasporto ferroviario è un servizio pubblico essenziale, (infatti è soggetto alle regole della legge sui servizi minimi per lo sciopero) che garantisce il diritto costituzionale alla mobilità dei cittadini».

«Chi decidesse di interromperlo arbitrariamente in nome della libertà a non vaccinarsi non avrebbe il sostegno del sindacato sia perché violerebbe la legge, sia perché il sindacato sostiene la campagna vaccinale tanto per i lavoratori che per gli utenti del servizio pubblico – spiegano le sindacaliste –. Il vaccino è lo strumento che ci permetterà di non tornare al lock down, che ridurrà il ricorso agli ammortizzatori sociali nel Paese, che consentirà alle persone di lavorare e di viaggiare in sicurezza».

Related posts

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: