Il green pass non fa paura ai “consumatori di cultura”

Praticamente invariati gli accessi sia ai musei comunali sia a Palazzo Ducale, con una flessione venerdì (primo giorno di introduzione dell’obbligo) e la rimonta sabato e domenica

Sono stati 1.742 i visitatori ai musei comunali questo weekend, appena tre in meno rispetto al fine settimana precedente Di fatto, il numero delle presenze nel fine settimana, malgrado l’introduzione del green pass. non ha subito variazioni
Al Ducale la mostra di Magnum ha avuto una flessione minima il primo giorno e il giorno dopo aveva i medesimi visitatori di prima.

È evidente che i “consumatori di cultura” non vengono fermati dall’obbligo. Hanno il pass e lo mostrano, continuando effettuando le visite preventivate. «Questa esperienza è una prova del 9 per i prossimi Rolli Days» dice l’assessore comunale alla Cultura Barbara Grosso. Anche le visite alle dimore storiche saranno per norma nazionale soggette alla presentazione del certificato verde.

Intanto, sempre con la fatica del caso, ma senza esitazioni, in questi mesi le strutture museali hanno cominciato a recuperare il gap accumulato durante i lockdown a intermittenza.

I dati 2020 di maggio/giugno/luglio parlano di 24.287 nei musei comunali. Nello stesso periodo del 2021 i visitatori sono stati il triplo: 75.679. Nel solo mese di luglio i museo della città gestiti da Palazzo Tursi sono passati da 13.255 (dato 2020) a 25.844 mentre a giugno da 9456 a 29034.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: