Identikit dei malati Covid in terapia intensiva: hanno molto meno di 50 anni e non sono vaccinati

Da giorni l’occupazione dei letti in terapia intensiva cresce di un’unità al giorno e in 4 giorni si è passati da 5 a 9 (alla data di ieri). Un anno fa non nei reparti di rianimazione non c’era alcun malato di coronavirus. Da qualche giorno si parla di “quarta ondata”

«Anche questo weekend ha portato al San Martino 2 nuovi ricoveri per Covid di 2 soggetti non vaccinati – ha scritto il direttore della Clinica di malattie infettive del San Martino, Matteo Bassetti, sulla sua bacheca social –. In particolare un signore di 51 anni giunto alla nostra osservazione venerdì è stato trasferito in rianimazione e intubato questa notte». Ma la media dell’età è più bassa: dei 50 anni, e di parecchio. Nelle rianimazioni non ci sono più ultra ottuagenari, ma persone piuttosto giovani. Il minimo comun denominatore è che non sono vaccinate.

«Questi sono i dati sia genovesi sia italiani – scrive Bassetti –. Se non ti vaccini metti a rischio la tua salute. la tua vita e quella delle persone che hai intorno qualunque età tu abbia. La vaccinazione protegge dalla malattia grave. Inoltre chi da vaccinato si dovesse contagiare non trasmette o trasmette molto meno l’infezione rispetto a un non vaccinato quindi se fossimo tutti vaccinati non avrebbe più senso fare tamponi a tappeto, ma unicamente sui sintomatici».

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: