Cgil, Cisl e Uil a Toti: «Nessuno scrupolo per il green pass? Esiste già il protocollo sulla sicurezza»

I sindacati rispondono al presidente della Regione Liguria che stamattina ha dichiarato che, in caso di necessità, non avrebbe avrebbe obiezioni alla certificazione anche nei luoghi di lavoro

«Nessuno scrupolo per il green pass per il lavoro? Il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti, che ama pronunciare frasi ad effetto, sa benissimo che Cgil Cisl Uil sono interlocutori che hanno già trattato sul tema della sicurezza, firmando un protocollo nazionale che, nel momento più difficile e quando non c’erano ancora i vaccini, ha permesso di ripartire con il lavoro – dicono dicono Fulvia Veirana, Luca Maestripieri e Mario Ghini, rispettivamente segretari generali liguri di Cgil, Cisl e Uil -. Le organizzazioni sindacali ritengono che oggi quel protocollo sia ancora valido e intendono farlo rispettare. Caro Presidente Toti, da tempo abbiamo chiesto un incontro per un patto sulla sicurezza nei posti di lavoro declinato sul territorio per meglio tutelare lavoratrici e lavoratori. Occorre uno sforzo per far rispettare le misure di sicurezza nei luoghi di lavoro, occorre fare prevenzione perché il datore di lavoro, le imprese, non possono lavarsi la coscienza scaricando sui lavoratori ogni responsabilità. 
dicono Fulvia Veirana, Luca Maestripieri e Mario Ghini, rispettivamente segretari generali liguri di Cgil, Cisl e Uil

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: