Al San Martino in corso l’espianto degli organi di Camilla Canepa

La scomparsa della diciottenne morta alcuni giorni dopo la vaccinazione con Astrazeneca, grazie all’enorme generosità e all’encomiabile senso di altruismo della famiglia, aiuterà altre persone a vivere. Il fegato è già partito per l’ospedale Niguarda. Un altro organo è destinato a un paziente del nosocomio regionale

Non si conosce la destinazione degli altri tre organi che sono in corso di espianto, messi a disposizione del Centro nazionale trapianti. In atto anche il prelievo dei tessuti utili all’esame dei periti nominati dalla Procura per stabilire le ragioni della morte della diciottenne di Sestri Levante. I suoi genitori, in un momento tragico, hanno avuto la forza di preoccuparsi di chi ha bisogno di un trapianto per sopravvivere o, nel caso delle cornee, per tornare a vedere. La famiglia è assistita e sostenuta da una equipe di psicologi del San Martino.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: