Condannato a 6 anni di carcere il 24enne che ha causato la morte di Gaia Morassutti

Luca Bottaro era alla guida dell’auto che a forte velocità è piombata su alcuni scooter posteggiati, che sono andati in fiamme volando addosso a un gruppo di ragazze sedute sulle panchine di piazza Pedegoli a Quezzi. Tre di loro sono rimaste ferire. Gaia, 16 anni, è morta al Villa Scassi dopo lunghi giorni di agonia a causa delle ferite e delle ustioni riportate

Il giovane, che ha scelto il rito abbreviato era accusato di omicidio stradale. Era difeso dall’avvocato Pietro Bogliolo. Il pubblico ministero Daniela Pischetola aveva chiesto la condanna a nove anni e quattro mesi. Secondo la ricostruzione del reparto Giudiziaria della Polizia locale, Bottaro quella sera aveva poi fatto scendere i due ragazzi e la ragazza che erano con lui (la giovane e uno dei ragazzi si erano poi costituiti in Questura, mentre il terzo era stato rintracciato in seguito alle indagini), aveva abbandonato l’auto nei pressi di casa, poi si era nascosto lì vicino, dove era stato trovato dalla Polizia di Stato che con la Locale aveva partecipato alle ricerche.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: